June 6, 2019 / 10:02 AM / 6 months ago

Prezzi greggio in rialzo sopra minimi gennaio, aumentano timori su domanda

LONDRA (Reuters) - I prezzi del greggio sono in rialzo, dopo essere scesi ieri vicino ai minimi di cinque mesi, in un contesto generale che vede il sentiment restare fiacco a causa dell’aumento delle scorte Usa e di un’economia globale in fase di debolezza.

I futures del Brent attorno alle 11,30 scambiano a 61,29 dollari al barile, in rialzo di 66 centesimi mentre quelli sul greggio Usa segnano un rialzo di 51 centesimi a 52,19 dollari al barile.

La settimana scorsa la produzione di greggio Usa è salita al livello record di 12,4 milioni di barili al giorno, come emerso dai dati Eia, con un aumento di 1,63 milioni di barili al giorno da maggio 2018.

“L’incremento della produzione Usa sta annullando gli sforzi dell’Opec+, e se si considerano anche gli effetti negativi della guerra commerciale sulla domanda, il risultato sarà che i prezzi scenderanno”, ha detto Alfonso Esparza, senior analyst di Oanda.

Ma la produzione sta aumentando anche fuori dagli Usa.

Morgan Stanley ha rivisto al ribasso le previsioni di crescita della domanda per l’anno in corso da 1,2 milioni di barili al giorno a 1 milione. Di conseguenza ha tagliato anche le stime del secondo semestre sul Brent a 65-70 dollari al barile rispetto ai precedenti 75-80 dollari.

“La domanda sta diminuendo molto più rapidamente di quanto pensassimo”, hanno detto ieri in una nota gli analisti di Morgan Stanley. “Ci attendiamo ora che il 2019 sia un anno in cui domanda e offerta per lo più si bilanceranno”.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below