April 30, 2019 / 11:09 AM / 4 months ago

Greggio in rialzo dopo commenti Arabia Saudita su possibile estensione tagli output Opec

(Reuters) - I prezzi del petrolio recuperano terreno dopo un calo iniziale grazie ai commenti dell’Arabia Saudita sulla possibilità di un’estensione dell’accordo che limita la produzione oltre giugno per coprire tutto il 2019.

Le dichiarazioni del primo ministro dell’energia saudita Khalid Al-Falih non sembrano cedere alle pressioni del presidente Donald Trump per ottenere un aumento della produzione che compensi la prevista carenza di forniture in seguito ad un inasprimento delle sanzioni Usa contro l’Iran.

I futures sul Brent sono a 72,91 dollari il barile alle 12,45 italiane, in rialzo di 87 cent.

I contratti West Texas Intermediate Usa salgono di 91 centesimi a 64,41 dollari il barile.

I prezzi erano in ribasso a inizio giornata dopo che i dati sull’attività delle imprese manifatturiere cinesi hanno pesato sui mercati finanziari, tra cui i futures sul greggio, dal momento che mostrano che la più grande economia dell’Asia sta ancora faticando a trovare slancio.

Nonostante un’economia globale traballante, i prezzi del petrolio hanno fatto un’impennata del 40% da gennaio su i tagli della produzione voluti dall’Opec e dalle sanzioni Usa per l’Iran ed il Venezuela.

Matt Stanley, un broker a Starfuels in Dubai, dice che i prezzi del petrolio sono saliti quest’anno per via del “soffocamento” dell’offerta anziché di una forte domanda.

BofA Merrill Lynch dice che la produzione di petrolio iraniano scenderà a 1,9 milioni di barili al giorno nel secondo semestre dell’anno dai 3,6 milioni di barili al giorno del terzo trimestre del 2018 con l’entrata in vigore delle sanzioni e la scadenza delle esenzioni.

Nonostante questo, la banca si aspetta “un mercato quasi bilanciato nel 2019” visto che la produzione dell’Opec e degli Stati Uniti aumenterà.

BNP Paribas si aspetta che i prezzi del petrolio “aumenteranno nel breve termine” perché i produttori di greggio stavano causando “un’eccessiva stretta del mercato alla luce di interruzioni impreviste delle forniture ed una domanda resiliente”.

La banca francese si aspetta una salita dei prezzi del petrolio fino al terzo trimestre del 2019, aggiungendo che i prezzi “inizieranno in seguito a diventare vulnerabili a bruschi aumenti delle esportazioni Usa di greggio leggero grazie all’espansione degli oleodotti e della capacità dei terminali”.

Le esportazioni Usa hanno superato i tre milioni di barili al giorno per la prima volta all’inizio del 2019 in seguito ad un aumento della produzione di oltre 2 milioni di barili al giorno nell’ultimo anno.

BNP Paribas stima che il West Texas Intermediate Usa starà in media sui 63 dollari il barile nel 2019 mentre il Brent sarà in media a 71 dollari il barile, in rialzo di 3 dollari rispetto alle stime precedenti.

“Nel 2020, ci aspettiamo un prezzo medio del West Texas Intermediate Usa di 64 dollari il barile e del Brent di 68 dollari il barile” aggiunge la banca.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below