February 19, 2019 / 9:59 AM / 8 months ago

Btp in ribasso su ordini industria, recupera nel pomeriggio, spread 268 pb

MILANO (Reuters) - Seduta negativa per il mercato obbligazionario italiano, appesantito dalla pubblicazione dei dati sugli ordini all’industria di dicembre.

Un trader di Unicredit al lavoro a Milano. Foto del 13 giugno 2013. REUTERS/Alessandro Garofalo

Salito sino a 276 punti base, il differenziale tra i rendimenti dei benchmark decennali italiano e tedesco nel pomeriggio si è acquietato.

Nel dicembre scorso l’indice destagionalizzato degli ordini all’industria è sceso dell’1,8% su mese rispetto al -0,4% rivisto di novembre. L’indice destagionalizzato del fatturato è sceso del 3,5% in termini congiunturali dopo un ribasso dello 0,1% il mese prima. A livello annuo, gli ordinativi (dati grezzi) sono scesi del 5,3% a fronte di -2,2% rivisto del mese precedente, registrando la variazione negativa maggiore dal luglio 2016. Per l’intero 2018 il dato grezzo degli ordinativi cresce del 2% sul 2017. Il fatturato corretto per il calendario è sceso del 7,3% — dato peggiore dal novembre 2009 — da +0,5% di novembre. Per l’intero 2018 il dato grezzo del fatturato segna un progresso del 3,2% sul 2017.

Sul fronte politico, la giunta delle immunità del Senato ha respinto la richiesta di autorizzazione a procedere nei confronti di Matteo Salvini sul caso della nave Diciotti, allontanando, così, una crisi di governo.

Dopo il voto della giunta, lo spread si è decisamente allontanato da quota 270 punti base. Un dealer, più che attribuire una motivazione politica al movimento dei bond, ha parlato di “rimbalzo” legato a ricoperture dopo lo short mattutino, sottolineando il fatto che la liquidità scarsa amplifica i movimenti.

A mercati chiusi il Tesoro annuncerà i quantitativi di Ctz e Btpei in asta il 22 febbraio.

Gli emittenti sovrani continuano a pigiare sull’acceleratore per proporre quanta più carta possibile a un mercato che, in questa fase, pare godere di un appetito pantagruelico. Oggi Cipro ha collocato un nuovo bond benchmark a 15 anni, da 1 miliardo di euro, con un tasso a 175 centesimi oltre la curva midswap.

Inoltre, la Francia ha collocato il nuovo Oat 25 maggio 2050 per 7 miliardi, incamerando ordini per 31 miliardi.

Per quanto riguarda la curva degli spread Italia-Germania, ‘falso’ movimento sul tratto due anni legato al cambiamento del benchmark italiano, che ha portato a un allargamento (soltanto teorico) di circa sessanta punti base. Allo stesso modo, guardando alla curva dei Btp, il tratto 2/10 ha registrato un ‘falso’ restringimento dello spread.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below