February 15, 2019 / 7:19 AM / a month ago

Borse Asia-Pacifico in calo, pesano dati Cina, Usa

15 febbraio (Reuters) - Le borse della regione Asia-Pacifico sono in calo oggi, dopo aver toccato i massimi da quattro mesi, a causa dei nuovi dati dalla Cina che alimentano timori sulle pressione deflazionista nella seconda economia mondiale.

Visitatori nella sede della Borsa di Tokyo, il 1 ottobre 2018. REUTERS/Toru Hanai

I dati indicano che i prezzi alla produzione hanno rallentato per il settimo mese consecutivo a gennaio, al tasso più basso da settembre 2016, mentre la domanda interna si raffredda.

A gettare altre ombre anche la situazione politica negli Usa, col presidente Donald Trump pronto a dichiarare lo stato di emergenza per cercare di ottenere i fondi per la costruzione del muro anti-immigrati al confine con il Messico. La mossa ha provocato le critiche dei democratici, che controllano la Camera.

Da segnalare anche i dati sulle vendite al dettaglio americane, che a dicembre sono scese dell’1,2%, maggior calo dal settembre 2009.

** TOKYO ha perso l’1,1%, sulla scia della chiusura negativa di Wall Street e dei dati cinesi.

** Le borse cinesi registrato un netto calo a causa dei dati deludenti dalle fabbriche. Ma ha rallentato anche l’inflazione dei prezzi al consumo, nonostante la festività dell’Anno Lunare. HONG KONG perde l’1,8%. Gli investitori sono anche preoccupati dalle incertezze sui negoziati Usa-Cina sul commercio SHANGHAI perde quasi l’1,2%. TAIWAN ha chiuso in calo dello 0,2%.

** SEUL ha perso oltre l’1,3%, influenzata soprattutto sui dati delle vendite al dettaglio negli Usa.

** SYDNEY invece ha chiuso in leggero rialzo, grazie al comparto dell’energia, che ha beneficito dell’aumento del prezzo del petrolio.

** MUMBAI è la piazza peggiore della regione, trascinata al ribasso dai titoli energetici dopo l’aumento dei prezzi del petrolio.

** SINGAPORE è in calo, pesano i titoli finanziari.

** I titoli di Stato Usa hanno perso praticamente tutti i guadagni registrati in settimana, mentre anche il dollaro è arretrato. I prezzi petroliferi sono ancora in aumento sull’annuncio del taglio di produzione da parte dell’Arabia Saudita.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below