February 7, 2019 / 10:40 AM / 4 months ago

Btp in forte calo su taglio stime Ue, spread tocca massimi da quasi due mesi

MILANO (Reuters) - Seduta all’insegna di una pesante negatività per l’obbligazionario italiano, che ha visto lo spread tra Btp e Bund allargarsi ai massimi di quasi due mesi sulla scia della revisione al ribasso delle stime della Commissione Ue sull’Italia, presa come occasione di vendita in un mercato improntato alla correzione dopo un lungo trend rialzista.

Un trader al lavoro alla borsa di Francoforte, il 30 gennaio 2019. REUTERS/Staff

** Il differenziale di rendimento tra i benchmark decennali italiano e tedesco si è spinto fino a 287 punti base, ai massimi dal 12 dicembre scorso e 20 centesimi sopra la chiusura ieri a 267 punti base. Nel finale il movimento è marginalmente rientrato e lo spread si è fermato a 283.

** Il tasso del dieci anni italiano si è riavvicinato alla soglia del 3% arrivando fino a un massimo di 2,976%, livello più alto dalla prima metà di dicembre, per poi assestarsi a 2,943%. Di contro, il titolo di riferimento tedesco ha beneficiato delle nuove stime della Commissione Ue — che ha anche ridotto le proeizioni di crescita e di inflazione per l’intera zona euro — con il rendimento sceso a 0,11%, un passo in più verso quel territorio negativo in cui era scivolato nel 2016.

** Le vendite interessano tutti i segmenti della curva italiana: il rendimento del trentennale sale a 3,79% e il due anni offre un tasso dello 0,60% da una chiusura di ieri a 0,47%.

** Il future sulla carta italiana cede una figura mentre il derivato sul Bund ha toccato il massimo di contratto a 166,39.

** Balza ai massimi dal 12 dicembre anche il costo per assicurare il debito italiano dal rischio default, con i Cds a 5 anni in aumento di 12 pb dalla chiusura di ieri.

** La Commissione europea ha rivisto drasticamente al ribasso le previsioni di crescita per l’economia italiana, imputando il recente rallentamento al peso dell’incertezza legata alle politiche economiche del governo e all’aumento dei costi di finanziamento. Dopo essere scivolata in recessione tecnica nella seconda parte del 2018, a parere di Bruxelles l’Italia continuerà a mostrare un andamento economico anemico nella prima metà dell’anno in corso che si chiuderà con un’espansione del Pil di appena 0,2%, la più bassa tra tutti i Paesi membri dell’Unione europea.

** Il ministro dell’Economia Giovanni Tria ha escluso la necessità di manovre correttive per rispettare l’intesa sul deficit siglata a dicembre con la Commissione europea e ha sdrammatizzato le nuove stime dell’esecutivo Ue.

** Pesano sul clima generale anche le crescenti tensioni tra Francia e Italia, con Parigi che ha richiamato il proprio ambasciatore da Roma per consultazioni, di fronte a quella che ha definito “una situazione grave” che “non ha precedenti dalla fine della guerra”.

** Non è bastata a rasserenare l’umore del mercato la buona accoglienza riservata ieri al nuovo Btp trentennale da 8 miliardi di euro. L’emissione, ha comunicato oggi il Tesoro, è stata assegnata per il 73,6% agli investitori esteri.

** A mercato chiuso il ministero dell’Economia renderà noto l’ammontare di Bot a 12 mesi che saranno offerti nel collocamento di martedì, mentre domani sera verranno annunciati i dettagli dell’asta a medio lungo di mercoledì 13.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below