January 30, 2019 / 4:22 PM / 2 months ago

Fondi, almeno 12 aziende italiane in mirino attivisti

MILANO (Reuters) - Nei prossimi 12-18 mesi almeno dodici aziende italiane finiranno nel mirino dei fondi attivisti.

E’ la previsione di AlixPartners, società di consulenza specializzata nella ristrutturazione delle imprese e nell’interim management.

La stima è stata comunicata nel corso di un incontro con la stampa per illustrare i risultati di un sondaggio tra 500 manager di aziende quotate sul tema degli azionisti attivisti.

Dalla ricerca — illustrata da Stefano Aversa, global ed Emea vice chair di AlixPartners, affiancato da Paolo Rinaldini, local market leader, e dai managing director Lorenzo Pietromarchi, Clemente Honorati e Giacomo Mori — emerge che i manager, constatato il ruolo crescente dei fondi attivisti, ne temono l’impatto sulla gestione. E in maggioranza ammettono di non essere preparati ad affrontarli.

“Il 2018 ha mostrato una forte crescita del fenomeno di attivismo degli investitori”, ha spiegato Aversa, “con 575 attivisti globali che hanno avanzato richieste a società a media e alta capitalizzazione”.

Relativamente all’Italia — dove il fenomeno è esploso con lo sbarco di Elliott, che ha conquistato il governo di Tim — Rinaldini ha detto che “nei prossimi 12-18 mesi si stima che saranno almeno 12 le aziende italiane sotto il mirino di fondi attivisti”.

Aversa ha rimarcato come i fondi attivisti siano “estremamente sofisticati” e non guardino solo alla creazione di valore nel breve termine, ovvero non siano meri speculatori (un’accusa che richiama alla mente quella storicamente rivolta ai fondi di private equity, bollati come locuste). “Di per sé l’obiettivo dela creazione di valore nel breve termine non è sbagliato”, ha notato Aversa. “Fornisce più opzioni. Bisogna essere laici, non sentimentali. Le buone idee sono buone idee: se gli attivisti presentano piani industriali validi perché non accettarli e farli propri?”.

Per affrontare correttamente le sfide proposte dagli azionisti che vogliono influenzare la gestione delle aziende, AlixPartners ritiene che i management debbano essere “attivisti di se stessi”, anticipare le richieste — che riguardano essenzialmente governance, cessione di asset, taglio di costi e, più in generale, risoluzione delle inefficienze —, partendo dal presupposto che “i fondi fanno parte dell’ecosistema”, ha concluso Aversa.

(Massimo Gaia)

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below