January 9, 2019 / 2:19 PM / 6 months ago

Euro penalizzato da dati europei deboli, bene divise legate a commodities

NEW YORK (Reuters) - L’euro fatica a mantenere i guadagni accumulati in precedenza in un quadro in cui dati macro peggiori delle attese offuscano l’ottimismo sui passi avanti compiuti nei negoziati Usa-Cina.

** A preoccupare gli investitori i deludenti numeri della bilancia commerciale tedesca e della fiducia dei consumatori in Francia.

** In mattinata, la notizia che Pechino e Washington hanno acconsentito a prolungare di un giorno i colloqui sul commercio ha spinto al rialzo i prezzi del greggio, alimentando la richiesta di asset rischiosi e sostenendo anche l’euro.

** La divisa unica però attorno alle 14,45 scende a 1,1461 sul dollaro dopo essersi apprezzata fino a 1,1479.

** Il rally degli asset più rischiosi ha messo a segno un’accelerazione a partire da venerdì scorso quando il presidente della Federal Reserve, Jerome Powell, ha ammesso di essere a conoscenza dei rischi dell’economia Usa e aggiungendo che l’istituto sarà paziente e flessibile nelle sue decisioni di politica monetaria.

** “Le minute del Fomc che verranno diffuse in serata e il discorso di Powell di domani ci forniranno un aggiornamento sulle intenzioni della Fed e su quanti esponenti del board la pensino come lui”, spiega Kit Juckes, strategist di Societe Generale.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below