November 14, 2018 / 1:24 PM / 5 months ago

Carige, in rally in borsa dopo crollo ieri su ok a rafforzamento patrimoniale da 400 milioni

MILANO (Reuters) - ** Banca Carige rimbalza a Piazza Affari dopo il crollo di ieri seguito all’annuncio di un rafforzamento patrimoniale superiore alle iniziali attese.

Il logo di Carige a Roma. Foto del 16 aprile 2016. REUTERS/Stefano Rellandini

** Alle 12,50 circa il titolo dell’istituto genovese segna un rialzo del 10,5% a 0,0021 euro dopo ieri aveva lasciato sul terreno il 48,65%. Volumi per 1,5 miliardi di titoli rispetto a 570 milioni circa trattati mediamente nelle ultime trenta sedute. Ai valori attuali Carige capitalizza circa 106 milioni di euro.

** La Consob ha vietato le vendite allo scoperto per l’intera seduta di oggi, estendendo il divieto sul short selling anche alle vendite assistite dalla disponibilità dei titoli.

** Lunedi il Cda di Carige ha approvato un rafforzamento patrimoniale fino a 400 milioni per rientrare nei parametri di sicurezza previsti dalla Bce, con un’operazione in due fasi.

** Una prima emissione di obbligazioni subordinate Tier 2 per 320-400 milioni e di cui fino a 320 milioni sottoscritte dallo Schema Volontario di Intervento del Fondo Interbancario di Garanzia, mentre i restanti 80 milioni (estendibili fino ad altri 200 milioni) saranno collocati presso investitori privati. Queste obbligazioni prevedono, oltre al rimborso in denaro a scadenza, anche la possibilità di una conversione in azioni.

** La seconda fase prevede un aumento di capitale in opzione fino a 400 milioni con assorbimento del prestito subordinato.

** La decisione del nuovo managament su rafforzamento patrimonale di questa portata è essenzialmente legata ai 190 milioni circa di ulteriori rettifiche su crediti fatte nel solo terzo trimestre a seguito dell’ispezione sul portafoglio crediti della Bce, e che ha portato ad un risultato negativo del periodo di 168,6 milioni.

** Con il rafforzamento patrimoniale la banca potrà essere nelle condizioni di valutare eventuali operazioni di aggregazione, secondo quanto comunicato dallo stesso istituto.

** “Nonostante l’iniezione di capitale, è difficile tuttavia pensare la banca possa essere un target di M&A con un NPE Ratio superiore al 25% (21,6% con le cessioni già programmate)”, ha commentato ieri Equita Sim nella.

** Quanto alla sottoscrizione del subordinato Pop Sarl, la società che fa capo a Raffaele Mincione, azionista con il 5,4% circa, si è impegnata per un importo di 20 milioni, condizionando il proprio impegno alla “individuazione e definizione di una adeguata remunerazione da concordarsi tra le parti in buona fede”, secondo una comunicato diffuso lunedì scorso.

** Secondo indiscrezioni stampa odierne il primo azionista Malacalza Investimenti (con il 27,5%), non sottoscriverà invece alcuna quota del bond subordinato riservato ai privati ma potrebbe partecipare al futuro aumento di capitale.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below