November 5, 2018 / 12:50 PM / 11 days ago

Supervisione bancaria Bce, Donnery non piu' vista come favorita su Enria

FRANCOFORTE (Reuters) - La corsa per la nuova guida della supervisione bancaria della Bce è giunta a un punto morto con i Paesi dell’Europa del Sud che sembrano intenzionati a sostenere il candidato italiano Andrea Enria.

Andrea Enria. REUTERS/Yves Herman

Lo hanno riferito quattro fonti a conoscenza della situazione spiegando a Reuters che in un primo momento l’irlandese Sharon Donnery era considerata favorita ma che nelle ultime settimane Enria ha raccolto un significativo sostegno, lasciando intendere che l’esito del voto, che avverrà a scrutinio segreto tra i policymaker della Bce mercoledì prossimo, sarà difficile da prevedere.

Creato quattro anni fa dopo la crisi del debito, il ‘Single Supervisory Mechanism’ monitora 118 tra le principali banche del blocco con asset per un valore di 21.000 miliardi di euro.

Donnery, vice-presidente della Banca centrale irlandese ed Enria, a capo dell’Eba (Autorità bancaria europea), vengono considerati entrambi come molto qualificati ma la candidatura di Enria sembra aver una marcia in più, secondo quanto riferito dalle fonti che hanno chiesto l’anonimato.

Donnery, una dei protagonisti della strategia Bce per la riduzione dei non-performing loan, ha tra i suoi sostenitori molti Paesi del nord Europa.

Ma poiché il problema degli npl riguarda soprattuto istituti del sud Europa, Grecia e Italia in testa, molti Paesi dell’Europa meridionale non ne sostengono la candidatura perché temono che il suo possa rivelarsi un approccio troppo aggressivo.

Secondo le fonti, se da un lato quindi i Paesi del sud del blocco non vedono Donnery di buon occhio, i Paesi del nord potrebbero valutare un sostegno a Enria, considerato sufficientemente indipendente dalla politica italiana.

Un portavoce della Bce non ha commentato.

Una fonte, in particolare, ha sottolineato che il fatto che Donnery sia donna, considerato un vantaggio, potrebbe non avere più tutto quel peso che sembrava avere in precedenza.

Il Parlamento europeo, che deve approvare le scelte del Consiglio con un voto finale, ha criticato in passato la Bce per non aver nominato abbastanza donne nelle posizioni chiave. Ma la Commissione per gli Affari economici ha inserito nella shortlist entrambi i nomi anziché sceglierne uno solo, facendo in modo che il genere non sia un tema nel processo.

Anche la nazionalità di Donnery potrebbe ostacolarla.

Stando alle attese, secondo le fonti, il governatore della Banca centrale irlandese Philip Lane dovrebbe diventare il prossimo capo-economista della Bce quando scadrà il mandato di Peter Praet il prossimo maggio.

Se Enria venisse nominato, due italiani ricoprirebbero altrettante posizioni apicali nella Bce contemporaneamente. Ma questa non viene considerata una questione molto rilevante dato che l’Italia è uno dei principali Paesi del blocco e perché il mandato di Mario Draghi a presidente della Bce scadrà il prossimo ottobre.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below