October 31, 2018 / 9:47 AM / 19 days ago

Btp rimbalzano dopo calo ieri, spread stringe in area 300, focus su manovra

MILANO (Reuters) - Mattinata di parziale recupero per la carta italiana in un mercato ancora caratterizzato da volumi sottili, all’indomani del calo di ieri sulla scia dei deludenti dati della crescita del terzo trimestre e sui timori per il percorso della legge di Bilancio 2019.

Un trader al lavoro alla borsa di Francoforte, il 6 febbraio 2018. REUTERS/Ralph Orlowski

** Allargando l’orizzonte all’intera zona euro, i rendimenti dei titoli ‘core’ sono in rialzo sulle attese di solidi dati sui prezzi al consumo e, più in generale, per una maggior propensione per il rischio legata al robusto trend delle borse mondiali.

** Tuttavia per gli operatori il focus resta il percorso della manovra dopo che dalla Commissione europea è giunto un nuovo monito all’Italia sotto forma di una lettera datata 29 ottobre. Nella missiva Bruxelles chiede chiarimenti sulla dinamica del debito pubblico defidendolo “fonte di preoccupazione per l’intera area euro”.

** Intanto, in attesa dell’Eurogruppo di lunedì prossimo in cui si discuterà anche della legge di Bilancio, è atteso per oggi alla Camera il testo del provvedimento al centro di un vertice a Palazzo Chigi ieri sera cui ha preso parte anche il ministro dell’Economia Giovanni Tria.

** Alcuni quotidiani tornano su una nuova bozza della manovra che, come anticipato da Reuters, prevede che eventuali minori uscite per reddito di cittadinanza e quota 100 sulle pensioni possano essere utilizzate anche per contenere il deficit sotto il 2,4% del Pil nel 2019. In base al testo, in entrambi i casi le disposizioni attuative sono rinviate ad “appositi interventi normativi”.

** “Il movimento odierno è un rimbalzo dopo la flessione di ieri in un contesto però che vede volumi molto esigui concentrati sulla parte breve della curva”, ragiona un operatore di una banca italiana.

** Spunti interessanti potrebbero giungere anche dal lato macro con la stima dei prezzi al consumo di ottobre di Italia e, come detto, zona euro. Il consensus di entrambi i dati fotografa un’accelerazione.

** Diffusa ieri, la stima preliminare del Pil del terzo trimestre si è rivelata al di sotto delle attese zavorrando la carta italiana.

** “I dati relativi alla crescita sono ‘driver’ di primo piano per il rapporto debito/Pil e perché potrebbero riguardare anche i giudizi delle agenzie di rating nel medio termine”, scrive UniCredit in un report diffuso oggi.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below