October 24, 2018 / 7:11 AM / 2 months ago

Borse Asia/Pacifico contrastate per le tensioni internazionali

La Borsa di Shanghai REUTERS/Aly Song

Le borse dell’area Asia/Pacifico viaggiano disarmoniche oggi sulle tensioni intorno all’Arabia Saudita, dopo la morte del giornalista dissidente Jamal Khashoggi, che hanno fatto scendere il prezzo del petrolio ai minimi da due anni. Destano preoccupazione anche i conti pubblici italiani, dopo la bocciatura della manovra da parte della Commissione europea, e i risultati delle società Usa che ieri hanno fatto chiudere col segno meno Wall Street.

Allo stesso tempo, le piazze cinesi guadagnano, recuperando le perdite delle sedute precedenti, sulle attese di misure di stimolo da parte del governo che accrescono l’ottimismo degli investitori.

** Il Nikkei giapponese chiude in rialzo dello 0,37%, mentre il più ampio Topix è sostanzialmente piatto.

** SHANGHAI guadagna intorno a 0,4% mentre HONG KONG è a +0,2%. Prada fa molto meglio guadagnando l’1,5% circa.

** SYDNEY ha chiuso in calo di 0,23% sulla flessione del prezzo del petrolio che colpisce i titoli energetici, mentre i bancari e i farmaceutici salgono.

** Male SEUL che perde circa mezzo punto.

** TAIWAN chiude a -0,2%.

** SINGAPORE viaggia intorno a +0,5% dopo il tonfo di ieri.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below