October 2, 2018 / 6:57 AM / a month ago

Borse Asia deboli su timori crescita cinese

2 ottobre (Reuters) - Le borse dell’area Asia/Pacifico cedono terreno con l’effievolirsi dell’effetto positivo legato all’accordo di libero scambio tra Stati Uniti e Canada e per il ritorno dei timori sulla crescita cinese, che riducono la propensione ad assumere rischi.

L’indice MSCI cede lo 0,2% dopo un’iniziale partenza in territorio positivo.

Il Nikkei giapponese chiude attorno alla parità dopo aver aggiornato il nuovo massimo da novembre 1991, sostenuto da solidi risultati trimestrali. Ono Pharmaceutical ha guadagnato il 2,99%: i ricercatori della società hanno vinto il Nobel per un nuovo trattamento contro il tumore.

HONG KONG cede il 2% sui nuovi segnali di indebolimento dell’economia cinese, arrivati da due indagini congiunturali. PRADA perde il 3,6%. SHANGHAI chiusa per festività fino a venerdì prossimo.

Le frodi denunciate dalla commissione d’inchiesta sul sistema bancario spingono al ribasso SYDNEY che perde lo 0,7%. L’indice dei titoli finanziari perde l’1%.

SINGAPORE perde lo 0,3% sui timori legati alla stretta monetaria con DBS Group Holdings che cede l’1,6%.

Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below