September 19, 2018 / 2:14 PM / 2 months ago

Danske Bank, amministratore delegato lascia dopo scandalo riciclaggio da 200 miliardi di euro

Thomas Borgen, amministratore delegato dimissionario di Danske Bank, oggi a Copenhagen. Liselotte Sabroe/Ritzau Scanpix/via REUTERS

COPENHAGEN (Reuters) - Danske Bank ha annunciato le dimissioni dell’amministratore delegato Thomas Borgen, coinvolto da accuse sul riciclaggio di 200 miliardi di euro per transazioni — la maggioranza sospette — effettuate tra il 2007 e il 2015 tramite la filiale estone.

“È evidente che Danske Bank non è stata all’altezza delle sue responsabilità nel caso del possibile riciclaggio di denaro in Estonia. Mi dispiace molto”, si legge in un comunicato di Borgen che mette in evidenza le mancanze della principale banca danese sui temi di controllo e comunicazione.

Il manager afferma inoltre che un’indagine commissionata a una società legale esterna confermerebbe che in quanto AD non ha violato alcuna legge.

Il titolo Danske si è deprezzato di circa un terzo da sei mesi a questa parte.

Lo scandalo riciclaggio risale ormai ai primi mesi del 2018, quando gli Usa hanno riscontrato una possibile operazione di ‘money laundering’ della filiale estone di Danske.

Primo istituto di credito olandese, Ing, accusata di non aver rispettato la normativa dei Paesi Bassi in materia di prevenzione del riciclaggio e finanziamento al terrorismo, ha patteggiato con Amsterdam la chiusura del dossier in cambio di un’ammenda da 775 milioni.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano.Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below