September 19, 2018 / 8:33 AM / 3 months ago

Carige, lista patto Mincione in assemblea con 9,99%, rischio stallo governance

MILANO (Reuters) - L’assemblea Carige di domani, chiamata a rinnovare il cda, rischia di rivelarsi una vittoria di Pirro per il vincitore. Le regole di governance che la banca si è data potrebbero infatti portare a un cda diviso, senza la netta prevalenza di nessuno degli azionisti in lotta per il controllo della banca.

Sede Carige a Roma, Italy, April 16, 2016. REUTERS/Stefano Rellandini

Il Tribunale di Genova ha disposto che all’assemblea la lista presentata da Pop 12 come rappresentativa del patto parasociale che fa capo a Raffaele Mincione possa esprimere diritti di voto pari al solo 9,99% del capitale sociale, a fronte del 15,2% oggetto dell’accordo.

E’ quanto dicono fonti vicine alla vicenda in merito alla decisione del Tribunale sul ricorso presentato da Malacalza Investimenti con la procedura d’urgenza per inibire l’ammissione della lista Pop 12 per il mancato rispetto delle norme sulle autorizzazioni di acquisti di concerto di partecipazioni in banche .

La pronuncia del giudice si allinea dunque alla decisione della Banca d’Italia che, con un provvedimenro del 13 settembre scorso, ha sterilizzato la quota del patto eccedente la soglia del 10% del capitale di Carige in mancanza dell’autorizzazione alla partecipazione congiunta da parte del patto siglato tra Pop 12 Sarl di Mincione (con il 5,428%), Compagnie Financiere Lonestar di Volpi (9,087%) e Spininvest di Spinelli (0,683%).

Il verdetto del Tribunale riduce dunque le possibilità di vittoria della cordata di Mincione, che propone la conferma dell’AD Paolo Fiorentino, in contrapposizione con la lista del primo azionista Malacalza che, con gli ultimi acquisti, ha portato la sua quota al 27,5% appena sotto la soglia autorizzata dalla Bce.

Malacalza, entrato in Carige nel marzo del 2015 con una quota del 10,5% e che da allora ha investito nella banca oltre 400 milioni di euro, propone Pietro Modiano come presidente e Fabio Innocenzi come AD, dopo i forti contrasti con Fiorentino e la sostituzione dei precedenti due Ceo.

La battaglia per il nuovo board si profila comunque accesa con il metodo proporzionale di elezioni del board che accentua l’incertezza attorno alla maggioranza nel consiglio, mettendo in dubbio anche la nomina del nuovo amministratore delegato.

Malacalza si presenta in assemblea come l’azionista forte in grado di prendere la maggioranza dei voti presenti. E se la presenza di altre due liste, oltre a quella di Mincione, avrebbe l’effetto di drenare voti dalla formazione vincente, molto dipenderà dal ruolo dei fondi e di altri azionisti considerata anche l’affluenza record attesa.

“Il rischio è quello di uno stallo, ovvero che non si riesca a formare una netta maggioranza in consiglio”, commenta una fonte che segue da vicino la situazione.

Secondo una fonte risultano 700 registrazioni di soci ammessi all’assemblea, mentre alcune ricostruzioni stampa calcolano una partecipazione attesa di oltre il 70% del capitale.

I fondi, specie quelli esteri, potrebbero appoggiare la lista Mincione attratti da possibili operazioni di aggregazione a breve. Sarebbero invece spaccati industriali e imprenditori liguri, presenza storica nell’azionariato della banca.

Una terza lista di minoranza di candidati indipendenti è quella di alcuni fondi, promossa da Alleanza Assicurazioni, Generali Italia, Intesa Sanpaolo Vita e Planetarium Fund Anthilia Silver titolari complessivamente del 2,9%.

Infine Coop Liguria e Talea Società di gestione immobiliare hanno presentato una propria lista di candidati, detenendo rispettivamente lo 0,44% e l’1,36%.

Nell’ultima assemblea di fine marzo sul bilancio gli azionisti che hanno partecipato in proprio e per delega sono stati oltre 300 pari al 48% del capitale sociale.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below