September 17, 2018 / 11:35 AM / 2 months ago

Greggio in rialzo, sanzioni Usa a Iran alimentano timori su offerta

LONDRA (Reuters) - I prezzi del greggio sono in rialzo, in un mercato concentrato sull’impatto delle sanzioni statunitensi all’Iran nonostante le rassicurazioni di Washington che Arabia Saudita, Russia e Usa potrebbero aumentare la produzione in modo da compensare il calo dell’offerta.

** Intorno alle 12,40 italiane il contratto sul Brent per consegna novembre avanza di 63 cent a 78,72 dollari il barile. La scadenza ottobre sul greggio leggero Usa Wti è in rialzo di 54 cent a 69,53 dollari.

** Il segretario Usa per l’Energia Rick Perry ha detto in un’intervista a Reuters di non attendersi alcuna impennata dei prezzi e che i primi tre produttori mondiali di petrolio potrebbero aumentare la produzione globale nei prossimi 18 mesi.

** Le esportazioni petrolifere iraniane sono diminuite negli ultimi mesi poiché un numero sempre maggiore di compratori, tra cui il secondo acquirente indiano, ha tagliato le importazioni in vista delle sanzioni Usa che entreranno in vigore a novembre.

** Washington mira a ridurre le esportazioni di petrolio dell’Iran, il terzo maggiore produttore Opec, fino a zero per costringere Teheran a rinegoziare un accordo nucleare.

** “I carichi di esportazioni di petrolio greggio iraniano sono diminuiti di 580.000 barili al giorno negli ultimi tre mesi”, hanno detto gli analisti di Bank of America Merrill Lynch in un report.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below