May 29, 2018 / 10:49 AM / 5 months ago

GREGGIO contrastato, timori aumento produzione Arabia e Russia penalizzano Wti

LONDRA (Reuters) - L’andamento dei derivati sul greggio è contrastato, in un clima di diffusa cautela per le attese di un aumento della produzione di Arabia Saudita e Russia per compensare una potenziale scarsità di offerta.

** Intorno alle 12,05 italiane il contratto sul Brent per consegna luglio avanza di 48 cent a 75,78 dollari. Le quotazioni hanno sofferto un calo di quasi il 7% dai massimi dal 2014 sopra 80 dollari toccati il 22 maggio.

** La scadenza analoga del greggio leggero Usa Wti perde 89 cent a 66,99 dollari.

** “Gli investitori hanno iniziato a prezzare la probabilità che Arabia Saudita e Russia aumentino la produzione di greggio”, commenta ANZ Bank in una nota. “Tuttavia restano dubbi, con qualsiasi accordo che dovrà essere finalizzato al meeting Opec” che si terrà il 22 giugno a Vienna.

** Il differenziale tra Brent e Wti si allarga intorno ai massimi da marzo 2015 a causa del prezzo del greggio Usa più depresso rispetto al Brent, penalizzato dai timori di una flessione della domanda petrolifera statunitense se sul mercato arriveranno maggiori flussi di greggio dal Medio Oriente.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below