March 2, 2018 / 8:23 AM / 7 months ago

Btp positivi in seduta pre-voto, mercato non prezza esito avverso

MILANO (Reuters) - MILANO, 2 marzo (Reuters) - Mercato obbligazionario positivo a metà dell’ultima seduta prima delle elezioni politiche di domenica, il cui esito più probabile, stando ai livelli del mercato, viene ritenuto un parlamento senza maggioranza e la conseguente nascita di un governo di coalizione.

Un trader di Intesa Sanpaolo al lavoro a Milano. Foto dell'8 agosto 2011. REUTERS/Stefano Rellandini

** Gli ultimi sondaggi prima del blackout imposto dalla legge non conferivano ad alcun partito o coalizione i numeri parlamentari necessari a formare un governo.

** Ciò dovrebbe, quindi, portare alla nascita di un esecutivo di coalizione, con forze di centrodestra e centrosinitra, dopo una iniziale fase d’incertezza.

** Un dealer di governativi di una banca milanese parla di volumi in crescita negli ultimi giorni e di un generale senso di rilassamento del mercato, che “sembra quasi considerare le elezioni un non evento”.

** La nascita di un governo di coalizione di forze “mainstream” dopo una fase d’incertezza, è lo scenario centrale degli strategist di UniCredit, come spiegato in una nota diffusa stamane, in cui si sottolinea come questo esito dovrebbe creare il presupposto per un restringimento dello spread.

** Intorno alle 12,40 il tasso del decennale italiano, che dall’inizio dell’anno ha oscillato da 1,90% a 2,10%, viaggia a 2,012% da 2,036% della chiusura IT10YT=TWEB.

** Lo spread con l’analoga scadenza del Bund IT10DE10=TWEB si attesta a 140 punti base da 139 punti base della chiusura di ieri.

** Il differenziale dall’inizio dell’anno ha oscillato tra 164 punti base, livello toccato il 2 gennaio, e 124 punti base livello segnato il 7 febbraio, con l’annuncio dell’accordo di governo in Germania tra cristianodemocratici e socialdemocratici, oggetto di un referendum tra gli iscritti Spd il cui risultato, anch’esso sotto la lente dei mercati, si conoscerà domenica.

** Sempre secondo Unicredit, se i Btp finissero sotto pressione a causa dell’iniziale incertezza legata all’assenza di una maggioranza, l’allargamento sul Bund dovrebbe essere comunque limitato, poichè l’attuale livello del tasso del decennale è di 25 punti base più alto della media tenuta dall’inizio del quantitative easing e quindi raggiungerebbe livelli “attraenti” molto velocemente.

** Lo scenario di rischio principale è rappresentato da una affermazione più netta del previsto delle forze populiste, come Lega e Movimento Cinque Stelle, sufficiente da permettere a queste ultime di giocare un ruolo nella formazione di un governo.

“Questo scenario — si legge sempre nella nota di UniCredit — non è attualmente nei prezzi e porterebbe pressione sugli spread”, con una ricaduta anche sul resto della carta della periferia.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano.Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below