February 15, 2018 / 11:56 AM / 2 months ago

GREGGIO poco mosso, sostenuto da commenti Arabia Saudita, dollaro

LONDRA (Reuters) - I prezzi del greggio sono poco mossi, dopo il rialzo registrato nei primi scambi europei.

A sostenere il futures sul Brent, salito fino a circa 65 dollari al barile, sono stati soprattutto la debolezza del dollaro e le dichiarazioni del ministro dell’Energia saudita Khalid al-Falih, che ha detto che preferirebbe vedere un mercato a corto di forniture piuttosto che mettere fine troppo presto all’accordo voluto dall’Opec per frenare la produzione.

** “Khalid al-Falih suggerisce in modo deciso che l’accordo esistente sulle forniture difficilmente sarà sull’agenda quest’anno”, spiega Tamas Varga, del broker PVM.

** Anche l’indebolimento del dollaro, sceso ai minimi di 15 mesi rispetto allo yen, aiuta i prezzi del greggio, che diventa più conveniente per chi lo acquista in valute diverse dal dollaro.

** Intorno alle 12,30 il futures sul Brent cede 15 centesimi a 64,23 dollari, mentre il derivato Usa avanza di 14 cent a 60,76 dollari.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below