2 ottobre 2017 / 07:00 / tra 15 giorni

Borse Asia-Pacifico in rialzo grazie a dati Cina e Giappone

Il logo del Singapore Stock Exchange, la Borsa di Singapore, nella città-stato. Foto del 19 luglio 2017. REUTERS/Edgar Su

2 ottobre (Reuters) - I mercati azionari dell‘area Asia-Pacifico sono oggi in rialzo, con i dati sorprendentemente buoni da Cina e Giappone sostengono sia i titoli che le commodity.

** L‘indice MSCI, che non comprende Tokyo, alle 8,45 circa segna +0,22% a 530,89 punti. L‘indice Nikkei della borsa giapponese ha chiuso in rialzo dello 0,22%.

** L‘attività manifatturiera in Cina è cresciuta a settembre al tasso più elevato dal 2012 con le aziende che hanno aumentato la produzione per trarre vantaggio dalla forte domanda e dai prezzi alti. Pubblicato sabato scorso, l‘indice Pmi è salito a 52,4 per settembre rispetto ai 51,7 punti di agosto. “È la prima volta che i nuovi ordini superano la produzione quest‘anno, suggerendo un potenziale ‘eccesso di domanda’ di una certa estensione”, scrivono in una nota gli analisti di Anz. Il dato “indica un rischio al rialzo per il Pil del terzo trimestre e per la nostra previsione del 6,7% per il 2017”.

** La Banca centrale cinese ha anche ridotto per la prima volta dal febbraio 2016 l‘ammontare di cash che alcune banche devono trattenere come riserva, in un tentativo di incoraggiare i prestiti verso le piccole aziende e dare forza al settore privato.

** L‘aumentata produzione di chip di memoria e acciaio ha invece contribuito all‘aumento del 35% su anno dell‘export sudocoreano a settembre, segnando la sequenza più lunga di espansione dal 2011.

** In giappone il sondaggio “tankan” della banca centrale, i cui risultati sono stati diffusi oggi, indica che la fiducia tra le grandi imprese manifatturiere locali ha toccato i massimi da un decennio.

** Tutti questi dati hanno contribuito a far lievitare la richiesta di materie prime. Il rame in particolare registra il quinto trimestre consecutivo di crescita sulle attese di una forte richiesta da parte della Cina, principale consumatrice mondiale di metalli.

** Intanto, l‘euro è in calo in seguito alle tensioni per la situazione in Catalogna, mentre il dollaro è sostenuto dalle voci sulla possibile scelta di Kevin Warsh a nuovo presidente della Federal Reserve.

** SHANGHAI, HONG KONG, SEUL e MUMBAI sono chiuse per festività.

** TAIWAN ha chiuso in rialzo di quasi lo 0,8%.

** SYDNEY segna +0,8% grazie ai dati della manifattura cinese.

** SINGAPORE avanza dello 0,66%.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below