15 settembre 2017 / 17:49 / 3 mesi fa

Visco: Bankitalia vede Pil 2017 e 2018 a +1,5%, debito elemento vulnerabilità

ASSISI (Reuters) - Anche la Banca d‘Italia riscontra un miglioramento dell‘economia italiana e rivede al rialzo le stime di crescita del Pil a +1,5% sia per quest‘anno che per il prossimo.

Lo ha detto il governatore della Banca d‘Italia Ignazio Visco sottolineando la criticità rappresentata dall‘alto debito pubblico.

Visco ha invitato a non “illudersi” che una espansione del deficit possa giovare in modo stabile all‘economia.

“L‘economia italiana, in graduale rafforzamento da oltre un triennio, ha nettamente accelerato nell‘ultimo anno. Nel complesso del 2017 la crescita dovrebbe essere vicina all‘1,5%, per poi proseguire su ritmi simili nel prossimo anno”, ha detto Visco nel testo pronunciato in occasione del convegno “Dialogo tra credenti e non credenti”.

“Il miglioramento ciclico si sta diffondendo alla maggior parte dei settori industriali; segnali positivi stanno emergendo anche nei servizi, dove è stata forte la crescita del turismo di provenienza sia nazionale sia estera, e nelle costruzioni”.

Il Tesoro dovrebbe alzare nella nota di aggiornamento al Def la stima del Pil 2017 a 1,4-1,5% (da 1,1%) e indicare nel 2018 una crescita “molto superiore” all‘1,2%, secondo Riccardo Barbieri, capo economista del Mef.

“Non dobbiamo illuderci che l‘espansione del disavanzo pubblico possa sostenere stabilmente l‘attività economica. L‘Italia deve invece approfittare del consolidamento della ripresa per accelerare il necessario aggiustamento, strutturale, dei conti pubblici; tenendo sempre a mente che l‘elevato debito è un fattore di vulnerabilità grave, che condiziona la vita economica del Paese”, ha concluso.

Secondo fonti governative, l‘Italia considera acquisito lo sconto di mezzo punto percentuale chiesto all‘Europa sul deficit, pertanto l‘indebitamento netto è destinato a salire, l‘anno prossimo, dall‘1,2 previsto nel Def di aprile all‘1,7/1,8% del Pil.

Visco ha riconosciuto i “passi importanti” compiuti sul terreno delle riforme e ha sollecitato ad andare avanti “con continuità e coerenza” perché il sentiero è lungo.

(Stefano Bernabei)

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below