14 settembre 2017 / 12:47 / tra 2 mesi

Banca d'Inghilterra conferma tassi, ritiene probabile stretta nei prossimi mesi

LONDRA (Reuters) - La maggior parte dei membri del comitato di politica monetaria di Banca d‘Inghilterra ritiene probabile che la prima stretta sul costo del denaro da oltre dieci anni possa essere necessaria nel corso dei prossimi mesi, se l‘economia continuerà a crescere e le pressioni inflazionistiche ad aumentare.

La sede della Bank of England a Londra. Foto del 23 agosto 2017. REUTERS/Hannah McKay

E’ quanto emerso al termine della riunione di politica monetaria che, come atteso, si è conclusa con una conferma dei tassi e dell‘importo del programma di acquisto asset a 0,25% e a 435 miliardi di sterline.

La decisione sui tassi è stata adottata 7 voti a 2, come previsto, e quella sul target degli acquisti all‘unanimità.

“Una maggioranza dei membri del comitato di politica monetaria ha ritenuto che, se l‘economia continuerà a seguire un sentiero coerente con la prospettiva di una prolungata erosione della debolezza e graduale aumento delle pressioni sull‘inflazione di fondo, allora... una certa riduzione dello stimolo monetario sarebbe probabilmente appropriata nel corso dei prossimi mesi”, si legge nel comunicato dell‘istituto centrale.

La decisione della Gran Bretagna di abbandonare l‘Unione europa nel marzo del 2019 ha creato dubbi sullo stato dell‘economia nel lungo termine, ma insieme anche forti pressioni inflazionistiche nell‘immediato.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below