13 settembre 2017 / 10:00 / tra 3 mesi

Borse Europa appesantite da fornitori chip di Apple

LONDRA (Reuters) - I mercati azionari del Vecchio Continente sono in calo oggi, con l‘indebolimento del rally globale, mentre i fornitori di Apple sono in difficoltà dopo la delusione per l‘arrivo, più tardi del previsto, dei nuovi iPhone.

Partecipanti a un evento Apple per il lancio del nuovo iPhone, a Cupertino, California. REUTERS/Stephen Lam

L‘indice europeo STOXX 600 perde lo 0,24%, mentre alla debolezza dei produttori di chip si somma il calo del comparto minerario.

Londra segna -0,5%; Francoforte, che ieri aveva toccato i massimi da quasi due mesi, è praticamente piatta, come Parigi.

L‘indice della zona euro guadagna lo 0,1%.

I fornitori di chip di Apple registrano le performance peggiori: AMS perde il 3,9% , Dialog Semiconductor quasi l‘1% e STMicro l‘1.1%.

I trader dicono che i titoli sono sotto pressione a causa dell‘arrivo del nuovo iPhone X da 999 dollari più tardi del previsto, il 3 novembre. Il prezzo potrebbe anche danneggiare la domanda per il nuovo iPhone in mercati come quello cinese.

“Con l‘iPhone che costa circa 1.000 dollari sarà interessante vedere quanto la domanda sarà robusta”, dice Mike Bell, global market strategist di JP Morgan Asset Management.

“Se è relativamente salda, penso che dimostrerà che c‘è ancora molta possibilità di apprezzamento per le aziende Usa e che i consumatori nutrono fiducia”.

Quest‘anno i titoli dei chipmaker sono stati i migliori, nell‘ambito del settore tech europeo. Ams ha guadagnato, anno su anno, il 165%.

Richemont perde l‘1,5% circa nonostante vendite su cinque mesi superiori alle attese.

Swatch perde oltre il 2,8%: alcuni trader parlano dei timori sul fatto che il nuovo Apple Watch possa danneggiare il titolo del famoso produttore svizzero di orologi.

Covestro guadagna il 2,7% dopo che la farmaceutica tedesca Bayer ha venduto il 9,4% dell‘azienda al fine di finanziare parte dell‘acquisizione di Monsanto.

I mercati europei stanno cercando un nuovo rilancio, dopo aver perso il 7% nei mesi estivi.

“La nostra opinione è che i mercati europei abbiano ancora il potenziale per salire”, dice Bell.

“L‘outlook sui profitti è ancora abbastanza forte; l‘Europa è tra i maggiori mercati quello che ha tra i più alti l‘operating leverage dunque, se l‘economia globale resta forte, ciò dovrebbe portare a una crescita dei margini e dei profitti”.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below