September 1, 2017 / 7:45 AM / a year ago

Borsa Milano chiude tonica con Europa, rally Fca

MILANO (Reuters) - Piazza Affari chiude tonica in linea con le altre borse europee sostenuta da Wall Street dove il Dow Jones ha superato i 22.000 punti dopo dati sugli occupati inferiori alle attese, fattore che potrebbe rendere più cauto il cammino di normalizzazione dei tassi da parte della Federal Reserve.

Alla borsa di Milano. Foto del 13 settembre 2012. REUTERS/Paolo Bona

** Il benchmark FTSE Mib ha terminato in rialzo dello 0,87% a 21.858 punti e l’Allshare dello 0,85%. Progresso dello 0,6% per l’indice Star. Volumi sul mercato per 2,1 miliardi di euro.

** L’indice europeo FTSEurofirst 300 segna +0,7%.

** Corre FCA, che aggiorna i massimi storici a 13,5 euro dopo aver guadagnato oltre il 50% da inizio anno con volumi odierni superiori alla media. Il titolo, che ha accelerato dopo il miglioramento dell’outlook sul rating da parte di S&P, continua a beneficiare delle nuove valutazioni da parte dei principali broker nell’ipotesi di break-up del gruppo, dopo che l’AD Sergio Marchionne ha parlato di scorporo di Alfa-Maserati, componentistica e Jeep-Ram. Oggi, inoltre, il gruppo ha annunciato vendite negli Usa superiori alle stime insieme alle altre case automobilistiche “Big Three” di Detroit. Gm, Ford e Fca hanno espresso prospettive ottimistiche, anticipando un aumento della domanda per sostituire i veicoli danneggiati dall’uragano Harvey.

** Sugli scudi i bancari con il paniere di settore che chiude in rialzo dello 0,74%. Si distinguono i guadagni di UBI BANCA (+1,75%) e UNICREDIT (+1,23%).

** Sotto pressione in controtendenza CARIGE (-1%). Oggi il Ceo di Generali Philippe Donnet ha detto che la conversione in azioni del bond subordinato detenuto dalla compagnia non è all’ordine del giorno.

** Nuova seduta in denaro per STMicro (+1,2% circa), fornitore di Apple sulle attese per la presentazione del nuovo iPhone.

** TELECOM ITALIA (TIM) in ribasso in assenza di novità, con la vicenda del golden power che continua a rappresentare un motivo di incertezza più che altro di natura politica. Vivendi ha ribadito quanto sostiene nei bilanci e cioè che non esercita controllo su Tim.

** Fra le bluechip restano indietro TENARIS - nonostante abbia rassicurato che non ci sono stati danni importanti ai siti industriali Usa, colpiti dall’uragano Harvey - e persiste la debolezza di MEDIASET.

** Rimbalzo deciso per BIM dopo lo scivolone dei giorni scorsi sulle voci di offerte inferiori ai valori di borsa della banca.

** CALTAGIRONE termina sui valori dell’asta di volatilità, dove ha segnato 1,3210 euro (+9,72%), massimi da inizio maggio 2014. Secondo Repubblica alcuni fondi - tra cui Amber che ha il 5,5% del gruppo editoriale secondo Consob - starebbero raccogliendo azioni del gruppo editoriale per impedirne il ritiro dal listino.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below