30 agosto 2017 / 10:47 / tra 2 mesi

Btp in lieve calo in linea con Bund, spread risale a 173. Bene aste Italia

MILANO (Reuters) - In tarda mattinata il secondario italiano scambia in lieve calo ricalcando l‘andamento della carta tedesca, che ha via via ridotto la flessione iniziale, dando seguito a un allargamento dello spread Italia-Germania.

** Attorno alle 12,30, il differenziale di rendimento tra Btp e Bund sul tratto a 10 anni si attesta a 173 punti base, in linea con i 174 della chiusura di ieri ma in rialzo dai 171 dell‘avvio di seduta. Il tasso del decennale scambia in linea con l‘ultima chiusura a 2,08% dopo i primi scambi a 2,07%.

** A pesare sul secondario italiano le aste a medio lungo in cui il Tesoro ha collocato tutti i 7,25 miliardi di euro offerti in Btp e 5 e 10 anni e in Ccteu con rendimenti in lieve calo, in un appuntamento giudicato positivo dagli operatori. In particolare, il Btp a 5 anni (agosto 2022) ha visto il tasso scendere a 0,84%, minimo da giugno, da 0,88% dell‘ultimo collocamento di fine luglio, con un rendimento al netto delle commissioni di 0,89%. Il decennale (agosto 2027) ha visto il tasso scendere a 2,09%, minimo da dicembre scorso, da 2,16% di luglio con un rendimento al netto delle commissioni di 2,13%. Infine, il Ccteu ottobre 2024 ha visto un rendimento di 0,81%.

** “Le aste sono andate bene, aiutate da un mercato che stamattina si è un po’ ripreso rispetto al ‘mood’ di avversione al rischio di ieri. I rendimenti sono lievemente scesi in linea con l‘andamento dei tassi sul secondario, al di là dell‘allargamento che c‘è stato dell‘Italia sulla Germania”, spiega lo strategist di UniCredit Luca Cazzulani.

OFFERTA EUROPEA E DATI MACRO

** Sul primario si è attivata anche Atene che ha collocato 1,138 miliardi in titoli di Stato a 26 settimane con un tasso a 2,40% in calo da 2,50% dell‘asta precedente.

** Il Portogallo invece ha assegnato 1,79 miliardi del titolo ottobre 2022 nell‘operazione di concambio in cui ha ritirato 426,7 milioni del titolo giugno 2018, 401 milioni del giugno 2019 e 908 milioni del giugno 2020.

** Fondamentale in chiave Bce -- alla luce soprattutto del meeting del 7 settembre in cui verranno diffuse le nuove stime trimestrali su crescita e inflazione a cura dello staff -- il dato preliminare sull‘inflazione tedesca di agosto per il quale le attese convergono su 1,7% su anno rispetto all‘1,5% di luglio. Intanto in mattinata sono giunti i dati relativi ad alcuni laender: i primi quattro hanno evidenziato un ritorno dell‘indice annuo a ridosso del 2%, in linea con il target della Bce.

** Sempre dal lato macro, confortanti segnali sono giunti dall‘indice economic sentiment della zona euro di agosto, che ha visto un rialzo a 111,9 da 111,3 di luglio, oltre le attese per 111,3. [ZRNB93M01]

** In mattinata, Moody’s ha rivisto al rialzo le stime di crescita dell‘Italia per il 2017 e il 2018 portandole in entrambi i casi a 1,3% da rispettivamente da 0,8% e 1%.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below