11 ottobre 2016 / 10:47 / un anno fa

Greggio ritraccia da massimi un anno, mercato dubbioso su accordo Opec

LONDRA (Reuters) - Il greggio ritraccia dai massimi di un anno, penalizzato dai timori che un taglio alla produzione da parte dei maggiori esportatori del mondo potrebbe non essere sufficiente a erodere l‘eccesso globale di forniture petrolifere.

Un tecnico controlla le valvole di un oleodotto russo. REUTERS/Sergei Karpukhin/File Photo

Ieri i prezzi del greggio sono balzati del 3% dopo che sia Russia che Arabia Saudita hanno definito possibile un accordo tra i paesi Opec e non Opec per mettere un tetto alla produzione.

Questa mattina il ministro russo dell‘Energia Alexander Novak, citato dall‘agenzia di stampa Tass, ha detto che la Russia sta al momento solo considerando di congelare la produzione petrolifera e non un taglio all‘output.

Intorno alle 12,10 italiane il contratto sul Brent per consegna dicembre cede 44 cent a 52,70 euro e la scadenza novembre del greggio leggero Usa arretra di 37 cent a quota 50,98.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below