10 ottobre 2016 / 11:32 / in un anno

BTP fiacchi ma sopra minimi con lieve ripresa borse, atteso annuncio medio-lungo

MILANO (Reuters) - Avvio di settimana appesantito per il secondario dei Btp, in armonia con l‘obbligazionario europeo, sullo sfondo di nuove schiarite dal lato macro nonché in attesa dell‘annuncio di questa sera sull‘offerta a medio-lungo di metà mese.

** Un recupero dai minimi di seduta deriva però dalla modesta ripresa delle borse, in prima battuta ancora penalizzate da nuove vendite concentrate sui bancari. Sul settore pesano le difficoltà di Deutsche Bank, il cui titolo si è ormai dimezzato di valore rispetto a inizio anno.

** “Si è partiti in modalità decisamente ‘risk off’, specialmente evidente nel caso dei periferici, ma il tono di fondo è lievemente migliorato” osserva un operatore, ricordando però che la ricorrenza del ‘Colombus Day’ vede i mercati Usa formalmente aperti ma la maggioranza delle banche chiuse e va quindi considerata una sorta di semi-festivo.

** In termini di primario, fanno notare gli analisti UniCredit, la settimana si preannuncia decisamente ‘leggera’, con un‘offerta complessiva pari a circa la metà rispetto alla scorsa, e dominata dalle aste italiane.

** Venerdì sera da Via XX Settembre l‘annuncio che l‘asta di mercoledì prossimo 12 ottobre ha come oggetto 6,25 miliardi di Bot a dodici mesi, ammontare inferiore ai 71,1 in scadenza.

** L‘appuntamento principale è comunque quello di questa sera, sempre a mercato chiuso, quando il Tesoro fornirà i dettagli del collocamento a medio-lungo di giovedì 13.

** Tenendo in considerazione sia i 5 miliardi di Btp a 50 anni prezzati martedì scorso sia l‘avvicinarsi della nuova versione del Btp Italia, di cui verrà annunciata venerdì la cedola reale minima, l‘idea è che il prossimo appuntamento a medio-lungo possa essere relativamente ‘leggero’.

** Atteso in particolare il possibile nuovo tre anni ottobre 2019, che secondo le stime dell‘uffcio studi UniCredit potrebbe essere offerto per un importo tra 2,5 e 3,5 miliardi di euro, il sette anni ottobre 2013 per 2,5/3 miliardi e tra 500 milioni e un miliardo del 15 anni marzo 2032 cedola 1,65%.

** Un‘alternativa al 15 anni potrebbe essere più che il trentennale il benchmark a vent‘anni, il settembre 2036 2,25%: entrambi i titoli evidenziano infatti sul mercato una correzione di circa mezzo punto.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano.Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below