2 maggio 2016 / 10:42 / 2 anni fa

Greggio ritraccia da massimi 2016 su aumento produzione Opec

LONDRA (Reuters) - Il greggio ritraccia dai massimi 2016 sulla scia di un aumento della produzione in Medio Oriente, che relega in secondo piano la flessione dell‘output Usa e il calo del dollaro.

Un oleodotto nel giacimento di Imilorskoye, nella Siberia Occidentale. Foto del 25 gennaio 2016. REUTERS/Sergei Karpukhin/File Photo

La produzione di greggio dell‘Opec ad aprile è salita a 32,64 milioni di barili al giorno, vicina ai livelli più alti toccati nella storia recente.

Anche la Russia, il maggiore esportatore al di fuori dell‘organizzazione, ha visto aumentare l‘export mensile.

Intorno alle 11,55 italiane il contratto sul Brent per consegna luglio tratta a 46,90 dollari, in ribasso di 47 cent (-1% circa). Il greggio Usa scadenza giugno cede 31 cent a quota 45,61.

La liquidità è comunque scarsa data la giornata festiva in molti paesi.

Venerdì il contratto giugno sul Brent è scaduto a 48,13 dollari al barile, con un incremento del 21,5% che rappresenta il rialzo mensile più consistente da maggio 2009. Durante la seduta aveva raggiunto quota 48,50, massimo di sei mesi.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below