March 2, 2016 / 8:30 AM / 2 years ago

Borse Asia spumeggianti su ritorno appetito rischio, dati Usa

2 marzo (Reuters) - Mercati azionari dell’area Asia-Pacifico spumeggianti, sia pure con diverse intensità, dopo la diffusione dei dati Usa che mostrano il buon stato di salute dell’economia, in generale, e di manifattura e costruzioni in particolare.

L’indice MSCI, che non comprende Tokyo, alle 8,20 circa cresce del 2,48%. Ancora più euforica la borsa giapponese ha chiuso in rialzo di oltre il 4%.

Indici cinesi in forte rialzo. Secondo alcuni analisti gli investitori, oltre ai dati Usa, cominciano ad apprezzare anche le recenti decisioni delle autorità di Pechino: “C’era un po’ di confusione sulla direzione delle politiche governative. Ora gli investitori hanno le idee più chiare”, dice Zeng Yan, analista a Zhongtai Securities. La settimana scorsa il numero uno della banca centrale cinese, Zhou Xiaochuan, aveva annunciato nuove misure di sostegno. Nei giorni scorsi è stato deciso il taglio della riserva obbligatoria per le banche. La misura aumenterà, secondo gli esperti, di 100 miliardi di dollari la liquidità. L’analista suggerisce anche che “i segnali di recupero del settore immobiliare mostrano che ci sono aspettative per una stabilizzazione dell’economia”.

HONG KONG oggi è più dinamica delle borse continentali e viaggia in territorio positivo oltre il 3%. Prada cresce di oltre il 2%.

SINGAPORE positiva. SEUL riapre oggi dopo la chiusura per festività di ieri, e beneficia dell’umore dell’area chiudendo a +1,7%. In corso di seduta è stato raggiunto il massimo dal 4 gennaio scorso.

A MUMBAI la borsa si muove in decisa salita, intorno al 2%, sostenuta soprattutto dall’andamento dei titoli bancari dopo che la banca centrale ha reso noti i criteri per l’applicazione di Basilea 3, che lasciano più ampi margini nell’uso del capitale alle banche. I titoli di Bank of india sono balzati dell’8,7%.

SYDNEY chiude in territorio positivo al di sotto dell’unità sostenuto anche dal buon andamento del pil locale che nel quarto trimestre del 2015 ha superato le stime. Il traino lo hanno fatto i titoli bancari: New Zealand Banking Group ha chiuso con un +4,5%; Commonwealth Bank of Australia, Westpac Banking e National Australia Bank hanno portato a casa tutte un +3%.

TAIWAN chiude in rialzo dello 0,7%, spinta soprattutto dagli acquisti dall’estero.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below