15 febbraio 2016 / 15:45 / tra 2 anni

Banche Italia, Draghi: Bce non in contatto con governo su 'Npl'

Il quartier generale della Bce a Francoforte. REUTERS/Kai Pfaffenbach

BRUXELLES (Reuters) - La Banca centrale europea non è in contatto con le autorità italiane sul tema delle sofferenze bancarie dopo il decreto varato dal governo mercoledì scorso.

Lo dice Mario Draghi in un‘audizione alla commissione Affari economici e monetari del Parlamento europeo, precisando che Francoforte può accettare crediti non performing (Npl) tramutati in titoli cartolarizzati come collaterale in cambio di fondi Bce a patto che rispettino i requisiti di rating.

La normativa europea sul ‘bail-in’, osserva il presidente della Bce, contempla già l‘ipotesi di scorporare alcune passività (liabilities) nei momenti di instabilità dei mercati.

“Non stiamo parlando di acquisti... la questione è accettare o meno come collaterale ‘non performing loan’ come titoli cartolarizzati garantiti da sofferenze” spiega.

“Le Abs dovranno avere un rating minimo second-best pari a singola A. Che tra gli asset sottostanti ci siano ‘Npl’ non impedisce che i titoli possano essere portati in Bce come collaterale” aggiunge.

L‘11 febbraio, durante un briefing con la stampa, il ministero dell‘Economia italiano aveva parlato di colloqui con Francoforte per includere i titoli oggetto di garanzia pubblica anche nel programma di acquisto di Asset backed securities.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below