10 febbraio 2016 / 09:14 / tra 2 anni

Dollaro debole in attesa Yellen, ma risale da minimi

LONDRA (Reuters) - Il dollaro è sceso fino attorno al minimo di tre mesi e mezzo contro un paniere di valute, per poi rimontare. Resta tuttavia debole colpito, oltre che dai timori relativi all‘economia Usa, anche dal calo delle materie prime e dalle preoccupazioni relative allo stato di salute delle banche europee.

I simboli di dollaro, sterlina e yen esposti in un negozio di Hong Kong. REUTERS/Damir Sagolj

Il mercato attende le dichiarazioni della presidente Fed Janet Yellen che prenderà la parola a Washington per l‘audizione semestrale davanti alla commissione Servizi Finanziari della Camera. Gli investitori si aspettano ulteriori dettagli sullo stato di salute dell‘economia Usa, dopo i deludenti dati sul mercato del lavoro della scorsa settimana e sulle tempistiche e modalità di eventuali ritocchi al rialzo dei tassi di interesse.

“I timori relativi alle banche europee stanno contribuendo all‘avversione al rischio nei mercati. In aggiunta a questo, i dati Usa questo mese sono stati deboli e i funzionari Fed sembrano sfumare i toni su un rialzo dei tassi” dice Shinichiro Kadota, strategist di Barclays.

Attorno alle 10, l‘indice del dollaro vale 96,137 con un rialzo di circa lo 0,06% e non lontanissimo dal minimo dei tre mesi e mezzo, segnato ieri a 95,663.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below