28 agosto 2015 / 09:05 / 2 anni fa

Greggio, Brent in calo dopo rally ieri, Venezuela chiede vertice con Russia

LONDRA (Reuters) - Le quotazioni dei prodotti petroliferi perdono terreno dopo il rimbalzo che ieri li ha portati ad allontarsi dai minimi da sei anni e mezzo.

L‘oro nero, sostenuto dai segnali di forza dell‘economia Usa e dal recupero dei mercati azionari, ieri ha messo a segno il balzo più ampio dal 2009.

E dopo otto settimane consecutive con il segno meno, i prezzi si avviano a chiudere la prima settimana in rialzo.

A contribuire a sostenere le quotazioni c‘è la dichiarazione di force majeure da parte di Shell per quanto riguarda il complesso nigeriano di Bonny Light, a causa di una perdita e di un furto.

I paesi produttori, intanto, si muovono per arginare la caduta dei prezzi. Secondo quanto scritto dal Wall Street Journal, il Venezuela ha contattato gli altri membri dell‘Opec e spinge per un incontro con la Russia al fine di pianificare livelli di produzione che rilancino le quotazioni.

Attorno alle 10,45, il futures sulle consegne di Brent a settembre si attesta a 47,11 dollari il barile (-0,45 dollari), dopo aver oscillato fra 46,61 e 48,45 dollari. Il contratto di riferimento sul greggio leggero Usa scende di 0,36 dollari, a 42,20 dollari il barile, dopo aver oscillato tra 41,78 e 43,46 dollari.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below