28 novembre 2014 / 07:58 / tra 3 anni

Borse Asia condizionate da calo prezzi petroliferi

28 novembre (Reuters) - Il calo del prezzi petroliferi dopo che l‘Opec ha deciso di non tagliare la produzione domina la scena sui mercati asiatici, con le azioni legate al settore e le valute che risentono delle pressioni al ribasso.

Intorno alle 8,30 italiane l‘indice Msci dell‘area Asia-Pacifico .MIAPJ0000PUS, che non comprende la Borsa di Tokyo, perde quasi lo 0,5% mantenendo comunque il guadagno di questa settimana attorno all‘1%, ma con un bilancio del mese in rosso dell‘1,4% circa.

SYDNEY ha perso l‘1,6%, colpita dalle vendite sui titoli dell‘energia, con l‘indice di settore che ha lasciato sul terreno fino a 7,6%.

Continua invece a correre, salendo del 2% circa, l‘indice della Borsa cinese con lo Shanghai Composite Index .SSEC verso il suo maggiore guadagno mensile da circa due anni dopo il taglio a sorpresa dei tassi fatto da Pechino la scorsa settimana.

HONG KONG .HSI sale dello 0,2% mentre Prada (1913.HK) è in lieve flessione. Analogo il rialzo della Borsa di TAIWAN .TWII, che sale dello 0,2%: qui gli investitori sono stati per lo più alla finestra in attesa dei risultati di alcune consultazioni elettorali locali, che potrebbero testare la tenuta del partito di governo filo-cinese.

SEUL .KS11 ha chiuso piatta, a -0,07% appesantita dalle vendite legate al calo del prezzo del petrolio che hanno colpito titoli dell‘energia e della cantieristica navale.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italianoLe top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below