19 novembre 2014 / 08:33 / 3 anni fa

BORSE ASIA-PACIFICO - Indici in calo, Tokyo perde terreno

19 novembre (Reuters) - Le borse dell‘area Asia-Pacifico sono in calo oggi, con i business legati alle materie prime colpiti dal calo dei prezzi di greggio e altre commodity.

“Il calo dei prezzi dell‘energia è positivo per molte economie ma danneggia i titoli di large-cap del settore delle materie prime, che hanno una forte presenza in molti mercati asiatici”, commenta Yukino Yamada, senior strategist di Daiwa Securities.

L‘azionario giapponese ha bruciato i guadagni realizzati nella prima parte della seduta, anche se l‘indice Topix ha chiuso a +0,12% sulla speranza che il rinvio di 18 mesi dell‘aumento dell‘Iva deciso dal premier Shinzo Abe aiuti la terza economia del mondo, tornata a sorpresa in recessione.

Viste le condizioni dell‘economia “posporre l‘aumento dell‘Iva sarà positivo per l‘azionario. Ma la coalizione di partiti al governo dovrebbe vedere ridotti i propri seggi. La loro vittoria difficilmente creerà speranze di grandi cambiamenti. Quindi non prevediamo il genere di boom dell‘azionario giapponese a cui abbiamo assistito dopo le elezioni nel 2005 e nel 2012”, spiega Ryota Sakagami, capo strategist a SMBC Nikko Securities, a proposito delle elezioni anticipate indette da Abe.

L‘azionario europeo, che ieri ha chiuso in territorio positivo, dovrebbe estendere i guadagni oggi, dopo che l‘indice tedesco Zew ha superato perfino le stime più ottimistiche.

Intorno alle 8,35 italiane l‘indice Msci dell‘area Asia-Pacifico, che non comprende Tokyo, scende dello 0,51%. L‘indice giapponese Nikkei ha chiuso in calo dello 0,32%.

SHANGHAI ha chiuso in leggera flessione, sul protrarsi delle prese di profitto sui titoli delle large-cap e sul calo dei prezzi del greggio. In controtrend i titoli del settore media, spinti dalla notizia che una società controllata dal fondatore di Alibaba Jack Ma e la società di social media Tencent puntano a investire 2,8 miliardi di yuan per accrescere i loro pacchetti in Huayi Brothers Media.

HONG KONG è in territorio negativo per il terzo giorno consecutivo dopo il lancio, lunedì, della piattaforma comune di scambio Shanghai-Hong Kong: i trader dicono infatti che la risposta iniziale è stata più debole del previsto. Tra i titoli che perdono di più le società petrolifere, colpite dal calo dei prezzi del greggio; il gigante petrolifero PetroChina perde lo 0,94%, Kunlun Energy lascia sul terreno il 2,87%. Prada perde l‘1,34%.

SEUL ha chiuso praticamente piatta.

TAIWAN ha chiuso in rialzo dell‘1,2%, guidata dai produttori di chip di memoria, i cui titoli sono rimbalzati dopo le forti perdite di ieri: Nanya Technology e Inotera Memories hanno guadagnato rispettivamente il 6,8% e l‘1,5%.

MUMBAI piatta, anche se ha toccato in seduta livelli record. Bene ITC e Hindustan Unilever, che guadagnano rispettivamente lo 0,85% e l‘1,6%, mentre Infosys scende dello 0,7% e Sun Pharmaceutical Industries perde l‘1,76%.

SINGAPORE ha toccato livelli che non si vedevano dallo scorso 15 settembre, grazie ai guadagni dei bancari.

SYDNEY ha chiuso in leggero calo, con i pesi massimi del settore industria estrattiva danneggiati dal continuo calo del prezzo del minerale di ferro.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below