October 7, 2014 / 1:38 PM / 4 years ago

Rientro capitali, governo introduce autoriciclaggio con due soglie pena

ROMA (Reuters) - Dopo oltre sette mesi di discussione, il governo ha depositato oggi alla Camera una norma che introduce il reato di autoriciclaggio per punire chi impiega in attività economiche o finanziarie i proventi di altre attività illecite cercando di nasconderne la provenienza, ma modula la pena a seconda della gravità del reato presupposto.

La norma prende la forma di emendamento al disegno di legge sull’emersione e il rientro dei capitali detenuti all’estero, anch’esso avviato ad un travagliato parto in commissione Finanze alla Camera.

Il nuovo reato, il 648ter1 del codice penale, viene punito con la reclusione da due a otto anni se il reato che ha prodotto i soldi sporchi da ripulire è punibile con pena superiore a cinque anni. Se il reato presupposto è punibile con la reclusione fino a cinque anni, allora per l’autoriciclaggio la pena scende a uno-quattro anni.

Inoltre non c’è autoriciclaggio se “il denaro, i beni o le altre utilità vengono destinate alla utilizzazione o al godimento personale”, come si legge nel testo.

Sulla soglia di punibilità governo e maggioranza si sono arenate per diversi mesi e il testo divulgato oggi “è un ottimo punto di sintesi”, come ha detto il premier Matteo Renzi secondo quanto riferito dal suo portavoce.

Il ministero della Giustizia e il centrodestra propendevano per un reato che andasse a colpire i patrimoni accumulati dalla mafia e la criminalità organizzata generati dai reati più gravi punibili con oltre cinque anni di reclusione. Inoltre volevano inserire la norma nel più ampio provvedimento di riforma della giustizia, annunciato più volte come imminente.

Il ministero dell’Economia, sulla scorta del voluminoso rapporto del pm milanese Francesco Greco dello scorso anno, propendeva per allargare l’autoriciclaggio anche ai proventi di reati finanziari e tributari e voleva inserire il nuovo reato nel provvedimento sulla disclosure dei capitali all’estero per rafforzarne l’efficacia con una nuova minaccia repressiva.

VERSO OK COMMISSIONE DOMANI

“Con la doppia soglia di pena il governo ha trovato un equilibrio in questa complessa vicenda. Il reato di autoriciclaggio potrebbe diventare il primo punto della riforma della giustizia ad arrivare in porto, legato al procedimento per l’emersione dei capitali nascosti e alla punizione doppia per chi dovesse decidere di continuare ad occultarli”, ha commentato il capogruppo del Pd in commissione Finanze a Montecitorio, Marco Causi.

Il provvedimento sarà licenziato domani dalla commissione con un mandato al relatore per l’aula, ma il compromesso sull’autoriciclaggio non soddisfa M5s e neppure Forza Italia.

Le critiche dei grillini si appuntano sulla doppia soglia e la non punibilità per autoriciclaggio del “godimento personale” dei beni creati illecitamente.

Sul primo punto, fanno osservare che i reati economici e tributari più comuni, come truffa, appropriazione indebita, dichiarazione fiscale infedele, stanno sotto la soglia dei cinque anni di reclusione e pertanto l’autoriciclaggio andrebbe punito con una pena più lieve, che tra l’altro preclude agli investigatori la possibilità di ricorrere alle intercettazioni.

Quanto alla clausole dell’esclusione del “godimento personale” dei beni illecitamente creati, M5s teme che si depotenzi del tutto il nuovo reato, perché tutto dipenderà dall’interpretazione da dare a questa condizione.

Di segno opposto le critiche di Forza Italia, che avrebbe voluto applicare l’autoriciclaggio soltanto in connessione ai reati più gravi.

“Si rischia di trascinare nel circuito penale migliaia di imprese”, ha detto il presidente della Commissione Finanze, Renato Capezzone di Fi. “Chi usa i proventi di un’evasione Iva, già autonomamente colpita, per acquistare un macchinario o pagare i dipendenti, si ritrova una seconda sanzione e questo mi sembra ingiusto”.

Causi ha detto che nel disegno di legge ci sarà una clausola di raccordo che prevede la non punibilità per autoriciclaggio per chi aderirà alla voluntary disclosure per il rientro dei capitali detenuti all’estero nei tempi previsti dal provvedimento.

(Roberto Landucci)

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below