June 15, 2020 / 4:35 PM / 2 months ago

Borsa Usa in ribasso su timori nuova ondata virus, S&P 500 sotto i 3.000 punti

(Reuters) - I principali indici di Wall Street sono in calo, con l’S&P 500 scivolato sotto i 3.000 punti in seguito a un’impennata di nuovi casi di coronavirus registrati in Cina e in alcune zone degli Stati Uniti, che hanno smorzato le speranze di una rapida ripresa economica.

Una donna con indosso la mascherina passeggia lungo Wall Street dopo che nuovi casi di coronavirus sono stati confermati a New York, New York, Stati Uniti, 6 marzo 2020 REUTERS/Andrew Kelly

I titoli delle compagnie aeree, dei gestori di casinò e degli operatori crocieristici sono fra i più colpiti dalle vendite dopo aver tentato un rimbalzo nello scorso mese. Norwegian Cruise Line e Wynn Resorts cedono tra il 7% e il 4%.

Pechino ha imposto nuove restrizioni a seguito di un’inattesa impennata di nuovi casi di coronavirus che ha avuto origine in un mercato alimentare all’ingrosso, mentre gli Stati Uniti hanno registrato un nuovo numero record di contagi e ricoveri in diversi Stati, tra cui la Florida e il Texas.

L’indice di volatilità CBOE, indicatore dei timori degli investitori, ha registrato i massimi dal 22 aprile.

Grazie a migliaia di miliardi di dollari di stimolo fiscale e monetario e all’allentamento delle restrizioni imposte per contrastare il coronavirus, l’S&P 500 la scorsa settimana aveva recuperato il 47,5% dai minimi della pandemia di marzo.

Tuttavia, le previsioni negative da parte della Federal Reserve e i timori riguardo a nuovi casi di coronavirus hanno pesato sugli indici di Wall Street.

L’indice S&P 500 è sceso nuovamente sotto la media mobile a 200 giorni — livello monitorato con attenzione — dopo aver oscillato intorno a quel valore alla fine della scorsa settimana.

Alle 17,00 il Dow Jones Industrial Average è in ribasso di 329,52 punti, o dell’1,29%, a 25.276,02, l’S&P 500 cede 27,48 punti, o lo 0,90%, a 3.013,83. L’indice Nasdaq Composite perde 34,193 punti, o lo 0,40%, a 9.550,48.

Tra i settori la lettera colpisce quelli più sensibili all’andamento economico come energetici, finanziari e materie prime.

Moderna guadagna il 3,2% dopo indiscrezioni stampa secondo cui Israele è in trattative avanzate con l’azienda farmaceutica per l’acquisto del vaccino contro il coronavirus.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below