June 15, 2020 / 9:59 AM / 2 months ago

Istat rivede al ribasso inflazione maggio su Covid, -0,2% su mese e anno

ROMA (Reuters) - I dati definitivi di Istat rivedono al ribasso a -0,2% su mese e su anno il tasso dell’inflazione italiana a maggio, mese in cui è iniziato l’allentamento del ‘lockdown’.

Nella lettura preliminare, resa nota il 29 maggio scorso, l’indice Nic dei prezzi al consumo aveva registrato un calo dello 0,1% su mese e su anno, tornando al segno meno per la prima volta da fine 2016. Ad aprile era salito dello 0,1% a livello congiunturale e aveva registrato una variazione tendenziale nulla.

Rivisto anche l’indice armonizzato Ipca che scende dello 0,3% a perimetro sia congiunturale che tendenziale dal preliminare -0,2%. Ad aprile era salito dello 0,5% su mese e dello 0,1% a livello annuo.

La flessione tendenziale dell’indice generale è imputabile prevalentemente, spiega l’Istituto, alla marcata dinamica dei prezzi dei Beni energetici non regolamentati, che accentuano il loro calo (da -7,6% a -12,2%).

L’”inflazione di fondo”, al netto degli energetici e degli alimentari freschi, e quella al netto dei soli beni energetici rimangono stabili rispettivamente a +0,8% e a +1,0%.

L’inflazione acquisita nel 2020 è pari a -0,1% per l’indice generale e a +0,6% per la componente di fondo.

In questo contesto, i prezzi dei Beni alimentari, per la cura della casa e della persona mantengono una crescita sostenuta (+2,4%), rallentando di un decimo di punto rispetto ad aprile.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below