May 29, 2020 / 9:12 AM / 3 months ago

Istat: inflazione maggio negativa su Covid per prima volta da fine 2016

ROMA (Reuters) - L’inflazione italiana a maggio, mese in cui è iniziato l’allentamento del ‘lockdown’, torna negativa per la prima volta da ottobre 2016.

Turisti con la mascherina in piazza San Marco a Venezia durante l'epidemia di coronavirus a Venezia, Italia. 24 maggio 2020. REUTERS/Manuel Silvestri

Secondo i dati provvisori di Istat, diffusi stamani, l’indice Nic dei prezzi al consumo ha registrato nel mese in esame cali dello 0,1% su mese e su anno, dato in linea con le attese degli analisti.

Ad aprile l’indice era salito dello 0,1% a livello congiunturale e aveva registrato una variazione tendenziale nulla.

L’indice armonizzato Ipca scende dello 0,2% a perimetro sia congiunturale che tendenziale (attese -0,1% su mese, -0,2% su anno). Ad aprile era salito dello 0,5% congiunturale e dello 0,1% a livello annuo.

L’inflazione ‘di fondo’, al netto degli energetici e degli alimentari freschi, e quella al netto dei soli Beni energetici accelerano rispettivamente a +0,9% da +0,8% e a +1,1% da +1%.

L’inflazione acquisita per il 2020 è pari a zero per l’indice generale e a +0,7% per la componente di fondo.

I prezzi del cosiddetto carrello della spesa accelerano lievemente a 2,6% da 2,5%, quelli dei prodotti ad alta frequenza d’acquisto registrano una variazione tendenziale nulla.

A determinare l’andamento dell’inflazione, spiega Istat, “è soprattutto la flessione dei prezzi dei carburanti (una delle componenti più volatili del paniere), che spingono la diminuzione dei prezzi dei prodotti energetici a un’ampiezza (-12,7%) che non si registrava da luglio 2009 (quando si attestò a -14,6%)”.

Il governatore di Banca d’Italia Ignazio Visco proprio stamani ha sottolineato nelle considerazioni finali durante l’assemblea annuale dell’istituto che “la crisi economica innescata dal coronavirus ha fatto riemergere scenari di deflazione che la Bce è pronta a contrastare anche adottando ‘nuovi strumenti’ dopo il programma straordinario di acquisti sul mercato da 750 miliardi di euro”. [nL1N2DB0DR]

Una riduzione permanente dell’inflazione attesa o una dinamica deflattiva, segnala Visco, potrebbe innescare “un pericoloso avvitamento tra il declino dei prezzi e quello della domanda aggregata” in un contesto di elevati debiti pubblici e privati.

Antonella Cinelli, in redazione a Roma Valentina Consiglio

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below