May 13, 2020 / 3:19 PM / 3 months ago

Borsa Milano in calo, peggiora dopo Wall Street, pesanti banche, Exor

MILANO (Reuters) - Piazza Affari prosegue in calo insieme alle altre borse europee in peggioramento dopo l’apertura negativa di Wall Street sui commenti del numero uno della Fed Jerome Powell che ha parlato di un lungo periodo di crescita debole e redditi stagnanti. La Banca centrale Usa ha aperto ad ulteriori misure a sostegno della congiuntura per evitare danni durevoli all’economia e ha allontanato le speculazioni sull’adozione di tassi di interesse negativi.

L'ingresso principale della borsa di Milano, il 10 dicembre 2012. REUTERS/Stefano Rellandini

Pesano anche i timori di un riacutizzarsi dell’epidemia di coronavirus — mentre i Paesi europei stanno gradualmente uscendo dalla fase più dura — e di nuove tensioni tra Stati Uniti e Cina.

Intanto sul fronte politico italiano l’attenzione è rivolta al consiglio dei ministri che si terrà oggi sul corposo decreto ‘Rilancio’ dopo un lungo dibattito interno al governo.

Fra i peggiori, pesante Exor, che cede oltre il 6% penalizzata dall’annuncio di ieri che la francese Covea si è ritirata dall’acquisto di PartnerRE, operazione da 9 miliardi di dollari. Sulla scia di Exor, in calo anche Fiat Chrysler (-1,2%), mentre Cnh Industrial recupera e sale dell’1,6%.

Giù le banche penalizzate dal forte ribasso di Commerzbank e dell’olandese Abn Amro che hanno chiuso il primo trimestre in perdita, con la pandemia da Covid-19 che ha fatto salire gli accantonamenti per perdite su crediti. A Milano ne risente in particolare Unicredit che perde circa il 3%. Male anche Ubi e Bper con flessioni del 2%.

Pesante Poste Italiane, a -2,4% dopo i risultati trimestrali e le dichiarazioni del management sulle attese di mancato raggiungimento dei target del 2020.

In controtendenza, Mediolanum guadagna il 2,8% circa spinta dai commenti positivi di Ubs che ha alzato la raccomandazione sul titolo a “buy”.

Giù anche Mediaset a -2% circa dopo i risultati annunciati questa mattina.

In deciso ribasso STMicroelectronics (-2,8%) in scia dell’andamento fortemente negativo in Borsa del produttore di sensori Ams che crolla di quasi il 10%.

Rimbalza Diasorin (+5,4%) sulla trimestrale.

Sempre in tema di risultati, Terna sale dell’1,3%.

Andrea Mandalà in redazione a Roma Francesca Piscioneri

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below