February 3, 2020 / 11:53 AM / 2 months ago

Borsa Milano tenta il rimbalzo, corre Nexi, bene Tod's, vendute Tim e Mediaset

MILANO, 3 febbraio (Reuters) - Tentativo di rimbalzo a Piazza Affari con i mercati che sembrano avere un atteggiamento meno nervoso sull’impatto del coronavirus cinese. “La notizia che in Italia è stato isolato il virus induce a un po’ più di serenità e quindi riduce la volatilità sui mercati”, osserva un trader.

Un uomo fermo davanti all'ingresso della Borsa di Milano. REUTERS/Paolo Bona

Investitori ancora guardinghi e anche i volumi contenuti sono una dimostrazione.

Banche in recupero. Fra le big Unicredit sale dello 0,50%, Intesa Sanpaolo dello 0,96%. Debole Banca Mps in contrazione dello 0,5%.

Fra i migliori del listino, Nexi in salita del 3,5% sulla scia dell’Opa lanciata dal gruppo di pagamenti francese Worldline sulla rivale d’oltralpe Ingenico, che darà vita al quarto gruppo mondiale e a un nuovo campione europeo nel settore. “Questa notizia fa bene a Nexi e, più in generale, a tutto il settore, perché c’è consolidamento”, osserva un trader.

Giù anche oggi i petroliferi penalizzati dai timori sul calo della domanda in Cina, il più grande Paese importatore di greggio, a causa del virus. Saipem in calo dello 0,6%, Eni piatta; fa peggio Maire Tecnimont che arretra del 3%.

In rosso Tim (-1%) che si aggiunge al calo del 4% circa della seduta precedente. L’operatore telefonico ha ricevuto una multa da 114 milioni di euro dall’Antitrust nell’ambito del procedimento contro la fatturazione a 28 giorni. Il giorno prima il Garante per la Privacy aveva multato sempre Tim per 27,8 milioni per attività di marketing illecite. “Si tratta di notizie negative per Telecom sebbene di impatto trascurabile perché rappresentanno circa l’1,4% della capitalizzazione di mercato di Tim”, scrieve Fidentiis nel report odierno.

Sul fronte dei rialzi, tonica anche oggi Tod’s, in rialzo dell’1,5%, dopo +2,5% registrato venerdì scorso sulla scia dei risultati dei ricavi del quarto trimestre migliori delle attese degli analisti grazie alla crescita del brand Roger Vivier.

Volatile Atlantia, che oggi ritraccia dello 0,8%, mentre venerdì scorso è salita del 2%, in assenza di novità sul fronte della decisione se revocare o meno la concessione autostradale ad Aspi.

Fra i minori, bene Lazio (+1,08%) dopo la vittoria 5 a 1 ieri e il consolidamento del terzo posto in classifica.

Continua a scendere Mediaset in flessione dello 0,54% a 2,37 euro, tornando sui minimi da fine 2016. Sabato scorso ennesima udienza al Tribunale di Milano che si è riservato di decidere nei prossimi giorni sulla richiesta di Vivendi di sospendere in via cautelare il riassetto delle attività italiane e spagnole del gruppo sotto la holding olandese Mfe. Secondo Fidentiis, “se le modifiche allo statuto approvate a gennaio saranno accolte, la possibilità che il progetto MFE vada avanti saranno incrementate, altrimenti se tali modifiche saranno considerate insufficienti dal giudice, riteniamo che le possibilità affinché questo riassetto si realizzi si ridurranno in maniera significativa”.

Sugli scudi anche oggi Ascopiave (+1,5%) che ricalca i massimi storici sulla scia del doppio ingresso di Hera e A2A rispettivamente con il 2,5% e il 4,16%. Secondo Banca Imi, “il titolo continuerà a beneficiare dall’interesse speculativo sulla società a seguito degli acquisti da parte di Hera e A2A alla luce anche della logica industriale legata alle due aziende”.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

Giancarlo Navach, in redazione a Milano Gianluca Semeraro

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below