December 16, 2019 / 8:32 AM / a month ago

Borsa Shanghai a massimi di sei settimane su accordo commercio, dati macro positivi

SHANGHAI (Reuters) - La borsa di Shanghai chiude sui massimi di sei settimane, con gli investitori che brindano al raggiungimento di un accordo preliminare tra Usa e Cina sul commercio e a solidi dati macro che indicano resilienza nella seconda economia più grande al mondo.

Il presidente Usa Donald Trump e il suo omologo cinese Xi Jinping durante una cena al Great Hall of the People a Pechino. REUTERS/Thomas Peter

L’indice CSI300 blue-chip ha terminato la sessione in rialzo dello 0,5%, a 3.987,55, mentre l’indice Shanghai Composite è avanzato dello 0,6% a 2.984,39, massimo dall’8 novembre.

Venerdì Stati Uniti e Cina hanno deposto le armi e hanno annunciato un accordo di “fase uno” per ridurre alcuni dazi Usa esistenti in cambio di un aumento negli acquisti cinesi di prodotti agricoli americani e di altri beni.

Il rappresentante per il commercio degli Stati Uniti Robert Lighthizer ieri ha detto che l’accordo porterà quasi a raddoppiare le esportazioni statunitensi in Cina nei prossimi due anni ed è “completamente chiuso” nonostante alcune necessarie revisioni e traduzioni del testo.

Gli analisti dicono di aspettarsi che l’accordo contribuisca a ridurre le incertezze esterne per il mercato delle azioni A e e sostenere il sentiment di mercato, sebbene alcuni abbiano manifestato un po’ di cautela per il carattere duraturo delle controversie tra le due superpotenze.    

Gli investitori non devono essere eccessivamente ottimisti, poiché le controversie tra Pechino e Washington su commercio e tecnologia potrebbero permanere nel lungo termine e continuare a turbare economia globale e mercati finanziari, si legge in una nota degli analisti di Shanxi Securities.    

Contribuisce a sostenere il mercato anche una serie di solidi dati sul fronte macro.

La crescita della produzione industriale e delle vendite al dettaglio in Cina ha superato le aspettative a novembre, con il sostegno governativo che ha alimentato la domanda e allentato le ostilità commerciali con Washington.

Gli ultimi sviluppi positivi rimuovono alcune incertezze dalle prospettive economiche della Cina e mitigano anche la necessità immediata di stimoli a sostegno di ambiziosi obiettivi di crescita.    

La Cina punta a fissare un obiettivo di crescita economica di circa il 6% nel 2020 inferiore rispetto al 6%-6,5% di quest’anno, facendo leva sull’aumento della spesa per le infrastrutture statali per scongiurare un rallentamento più marcato, dicono alcune fonti che si occupano di politica monetaria.     

In tutta la regione, l’indice azionario MSCI ha guadagnato lo 0,22%, mentre il Nikkei ha chiuso in calo dello 0,29%.

L’indice Hang Seng di Hong Kong ha chiuso in ribasso dello 0,7%.   

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below