November 25, 2019 / 5:16 PM / 13 days ago

Borsa Milano, chiude in rialzo con Prysmian, Unicredit, bene lusso

MILANO, 25 novembre (Reuters) - Piazza Affari chiude in rialzo in una giornata positiva per le borse europee e per Wall Street incoraggiate dal ritrovato ottimismo sul negoziato Usa-Cina in tema di dazi.

Delle persone abbandonano la sede della Borsa di Milano. REUTERS/Paolo Bona

Il consigliere Usa per la sicurezza nazionale, Robert O’Brien, ha detto nel fine settimana che è possibile un iniziale accordo entro fine anno, aggiungendo però che gli Stati Uniti non hanno intenzione di ignorare quanto sta succedendo a Hong Kong.

Nuovi spunti positivi sul mercato arrivano dal fronte M&A con la notizia dell’accordo da 16,2 miliardi di dollari per l’acquisizione di Tiffany da parte di Lvmh in quella che rappresenta la più grande operazione finora realizzata dal produttore francese di lusso.

Prysmian è in cima al listino principale della borsa milanese con un balzo del 4,9% dopo che il collegamento Western Link è stato preso in consegna dal cliente, passo che elimina tutte le incertezze sul progetto che hanno pesato sul titolo.

Banche positive guidate da Unicredit che guadagna il 2,9% dopo che l’istituto ha confermato trattative con il partner turco Koç Group per una riorganizzazione della propria quota in Yapi Kredi, anche se non è stato ancora nulla deciso. Intanto, il vista del piano industriale il prossimo 3 dicembre Credit Suisse ha rivisto al rialzo il giudizio a “outperform” da “neutral” con target a 14,6 euro da 11,3 euro.

Lusso effervescente dopo l’accordo per l’acquisizione di Tiffany da parte di Lvmh. Moncler balza del 2,4% mentre Ferragamo sale del’1,3% circa.

Atlantia, volatile, chiude in fondo al FTSE Mib con un calo dell’1,3% dopo che il ministro degli Esteri Luigi Di Maio è tornato a ribadire che alla controllata Autostrade per l’Italia va revocata la concessione.

Astm e Sias perdono rispettivamente il 2,6% e l’1,6% dopo il crollo avvenuto ieri nei pressi di Savona di un viadotto dell’autostrada A6, gestito dalla controllata Autostrada dei Fiori, ma senza provocare dannni a veicoli e persone.

Equita Sim sottolinea che “la Torino-Savona è la tratta più piccola in gestione Astm (4% dell’ebitda totale) e, stando alle informazioni disponibili ad oggi, riteniamo che il blocco del traffico tra i caselli coinvolti e i costi di ricostruzione dei 20 metri di viadotti non siano ingenti per Astm”.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below