November 1, 2019 / 11:28 AM / a month ago

Greggio, in rialzo su dati manifattura cinese, verso perdita settimanale

TOKYO/LONDRA (Reuters) - I prezzi del greggio oggi sono in rialzo ma la settimana è indirizzata a chiudersi in negativo. A sostenere le quotazioni la sorprendente espansione dell’attività manifatturiera cinese, che ha placato i timori degli investitori sugli sviluppi delle trattative commerciali tra Usa e Cina.

Una nave petrolifera nel mare della Cina del Sud

I futures sul Brent scambiano con un progresso di 17 centesimi, o dello 0,29%, a 59,79 dollari il barile intorno alle 11,20 italiane. Per la settimana si profila un calo intorno al 3,4%.

I futures sul greggio Usa salgono di 25 centesimi a 54,43 dollari il barile, in rotta per una perdita settimanale superiore al 3,8%.

Secondo un sondaggio Reuters, i prezzi del petrolio dovrebbero rimanere sotto pressione quest’anno e il prossimo. I 51 economisti e analisti interpellati indicano per il Brent una media di 64,16 dollari il barile nel 2019 e 62,38 dollari nel 2020.

Un altro sondaggio Reuters mostra che la produzione di petrolio dei membri dell’Opec a ottobre si è ripresa dai minimi di otto anni, con un veloce recupero nella produzione dell’Arabia Saudita dagli attacchi ai suoi impianti petroliferi a settembre a contrastare le perdite in Ecuador e le riduzioni volontarie dell’offerta previste dal patto internazionale.

Persistono i timori sulla crescita economica mondiale, e sulla domanda di petrolio, a causa delle tensioni commerciali tra Stati Uniti e Cina.

“Ci sono nuovi dubbi sull’accordo commerciale tra Usa e Cina ... e allo stesso tempo questa settimana le scorte di greggio statunitense sono aumentate molto più delle attese”, ha detto Lachlan Shaw, a capo della ricerca per commodity per National Australia Bank.

Tuttavia, La lettura finale del Pmi Caixin dà il settore manifatturiero cinese a ottobre inaspettatamente in espansione al ritmo più rapido da oltre due anni, alimentando l’ottimismo sullo stato di salute della seconda maggiore potenza economica al mondo.

“I dati del manifatturiero indicano la resilienza dell’economia cinese nonostante le tensioni commerciali mondiali”, ha detto Han Tan, analista di mercato di FXTM.

Tuttavia, l’attività industriale nel Nord Asia ha subito una contrazione. L’indice Pmi manifatturiero giapponese ha registrato a ottobre la sesta contrazione consecutiva scendendo al minimo da oltre tre anni, penalizzato dal rallentamento di produzione e nuovi ordini. L’attività si è contratta anche in Corea del Sud e in Taiwan.

Le scorte di greggio statunitensi sono aumentate di 5,7 milioni di barili la scorsa settimana, superando nettamente le previsioni degli analisti di un aumento di 494.000 barili.

La produzione di greggio statunitense è aumentata di quasi 600.000 barili al giorno ad agosto, toccando un record di 12,4 milioni di barili, grazie anche a un aumento del 30% della produzione nel Golfo di Messico, secondo i dati governativi diffusi ieri.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below