October 28, 2019 / 12:51 PM / 18 days ago

Mediobanca, risultati dipendono da Generali molto meno che 10 anni fa - Nagel

MILANO (Reuters) - I risultati di Mediobanca dipendono molto meno dal contributo di Generali rispetto a dieci anni fa.

Lo ha detto il Ceo Alberto Nagel respingendo alcune critiche rivolte dal nuovo azionista Leonardo Del Vecchio, che da settembre ha messo insieme il 7,5% di Piazzetta Cuccia diventandone il secondo azionista.

Secondo Del Vecchio Mediobanca dovrebbe puntare di più sull’investment banking e meno sia su Generali, di cui Piazzetta Cuccia detiene il 13%, sia sul credito al consumo e crescere attraverso M&A.

Dire che i risultati di Mediobanca dipendono da Generali “è un’affermazione che andava bene 10 anni fa quando Generali rappresentava il 25% dei ricavi e non oggi che è il 12,5%”, ha detto Nagel durante l’assemblea di bilancio.

Il banchiere ha ribadito che Mediobanca non ha più bisogno di cedere una parte della quota in Generali, perché la regolamentazione europea è cambiata, ma può farlo se dovesse emergere un’opportunità di M&A nel wealth management.

Infine ha espresso l’auspicio che Generali, il cui valore di carico in bilancio è di 15,88 euro per azione, “rimanga indipendente e basata in Italia”.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

Gianluca Semeraro, in redazione a Milano Cristina Carlevaro

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below