October 23, 2019 / 8:52 AM / 21 days ago

Bio-on, domiciliari per AD Astorri, misure interdittive per co-fondatore

BOLOGNA (Reuters) - Il Tribunale di Bologna ha disposto l’arresto del fondatore, presidente e amministratore delegato di Bio-on (ON.MI) Marco Astorri per falso in bilancio e manipolazione del mercato, nell’ambito dell’operazione denominata “Plastic Bubble”.

È quanto annunciato in una conferenza stampa tenuta a Bologna dalla procura.

Il co-fondatore e vice presidente Guido Cicognani e il presidente del collegio sindacale Gianfranco Capodaglio sono stati interdetti dall’esercizio di uffici direttivi società e altre sei persone sono indagate, ha dichiarato il procuratore Giuseppe Amato.

Amato ha detto di aver chiesto al Tribunale la sostituzione dei vertici di Bio-on. Intanto è stato disposto il sequestro del 60% del capitale della società in mano ai fondatori.

Contattata da Reuters, Bio-on non ha commentato e non è stato possibile al momento contattare le persone oggetto d’indagine.

Il titolo, quotato all’Aim, è stato sospeso stamani dalle negoziazioni di borsa.

In luglio la procura di Bologna ha aperto un’inchiesta contro ignoti con l’ipotesi di manipolazione del mercato e aggiotaggio a seguito delle accuse mosse dal fondo Usa Quintessential alla società di bioplastiche per presunte irregolarità contabili e ricavi fittizi. [nL8N24R37L]

Bio-on, che ha messo a punto un processo per la produzione di plastica biodegradabile da scarti agricoli, ha in più occasioni respinto le accuse di Quintessential presentando anche un esposto contro il fondo.

In una nota della Guardia di Finanza di Bologna si spiega che dall’inchiesta è emerso che “gran parte dei ricavi iscritti nei bilanci dal 2015 al 2018 fosse non veritiera mentre parte dei ricavi generati da cessioni di licenze nei confronti di due joint-venture contabilizzate nel 2018 sarebbe frutto di operazioni fittizie”.

Gli inquirenti accusano quindi Astorri di aver prodotto informazioni false per spingere al rialzo il titolo.

La capitalizzazione di Bio-on si è ridotta di oltre l’80% da circa 1 miliardo di euro a poco meno degli attuali 200 milioni da quando Quintessential ha sollevato dubbi sui conti della società bolognese.

Fondata nel 2007, si è quotata all’Aim nel 2014 e conta nel portafoglio clienti anche il colosso Unilever (ULVR.L) (UNA.AS).

Via redazione Milano, scritto da Gianluca Semeraro

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below