October 17, 2019 / 4:20 PM / 2 months ago

Borsa Milano chiude in calo, volatile su Brexit, forte risparmio gestito, strappa Pininfarina

MILANO, 17 ottobre (Reuters) - Piazza Affari chiude in lieve calo una seduta alquanto volatile, in balia delle notizie sull’esito del negoziato sulla Brexit, poi sfociato in un accordo tra Gran Bretagna e Unione europea.

Una donna cammina davanti all'ingresso della Borsa di Milano. REUTERS/Alessandro Garofalo

“L’annuncio dell’accordo era già stato scontato dal mercato e non aggiunge nulla di nuovo”, osserva un trader.

In finale di seduta si attenuano gli acquisti sulle banche, più forti a metà giornata sull’accordo per Brexit e sempre sostenuti dalle prospettive M&A del settore.

Chiudono in lieve calo Banco Bpm e Ubi, candidate a un’integrazione, dopo i recenti rally. Unicredit in crescita dello 0,21%, ma l’altra big Intesa Sp cede lo 0,31%.

Banca Generali +2,32% dopo il calo di ieri; Mediobanca Securities nella preview sui risultati del trimestre, in programma a fine mese, vede una forte crescita di ricavi e utile operativo.

Bene anche Anima Holding (+2,3%) dopo che Berenberg ha avviato la copertura con ‘buy’ e un target a 4,5 euro.

Acquisti su Atlantia (+1,2%) dopo che fonti dicono che Lufthansa è disponibile a entrare nel capitale di Alitalia, ma con una maggioranza privata. Le azioni beneficiano della notizia ma sempre nell’ottica che possa favorire un accordo con il governo sulle concessioni, dice un trader.

Deboli i petroliferi, con Eni in calo dello 0,52% e Tenaris in flessione dell’1,23%.

Cattolica Assicurazioni sale del 4,4% dopo la conferma dei target al 2020 definiti però “ambiziosi”. Secondo un trader le dichiarazioni non giustificano il rialzo del titolo.

Gedi guadagna l’1,6%, con volumi, ma si sgonfia nel finale di seduta dopo avere raggiunto un massimo a 0,33 euro nel durante, mentre è in corso lo scontro nella famiglia De Benedetti sul controllo della società che edita La Repubblica e La Stampa. “Il rialzo è stato innescato dall’offerta di 25 centesimi di Carlo De Benedetti venerdì scorso, poi respinta dalla Cir. E’ chiaro che si guarda a quel livello come un floor per chi punta a una offerta più elevata”, osserva un trader.

Gamenet chiude in calo dell’1,4%, dopo Kepler che ha tagliato il prezzo obiettivo a 12,5 passando a ‘hold’ da ‘buy’. Il titolo ha risentito anche delle indiscrezioni sulla manovra di bilancio con il governo che avrebbe deciso di incrementare le tasse sul settore. “Nel complesso, vediamo quindi l’intervento come spiacevole ma gestibile, visto in particolare per Gamenet un trend positivo sul business corrente, come evidenziato nel primo semestre, e sulle sinergie”, rileva Equita nel daily.

Tra i minori svetta Pininfarina che centra un rialzo del 7% circa sulla scia di indiscrezioni stampa secondo cui il gruppo torinese ha siglato un accordo strategico in Cina con il gruppo Evergrande per lo sviluppo del design di una nuova gamma di veicoli elettrici. “Le azioni sono scese così tanto che anche una notizia di questo tipo fa tornare gli investitori”, osserva un trader.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

Giancarlo Navach

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below