September 17, 2019 / 9:21 AM / 3 months ago

Greggio, prezzi in calo, mercato valuta attacchi a impianti sauditi

TOKYO/LONDRA (Reuters) - I prezzi del petrolio sono in ribasso, anche se il mercato rimane in tensione per la minaccia di una possibile risposta militare agli attacchi agli impianti petroliferi sauditi che hanno dimezzato la produzione del regno e provocato un aumento dei prezzi che non si vedeva da decenni.

Le petroliere a Qingdao, Cina. REUTERS/Jason Lee

Gli attacchi di sabato hanno fatto emergere la possibilità di un grave shock dell’offerta in un mercato che negli ultimi mesi si è concentrato sui timori relativi alla domanda a causa della pressione sulla crescita globale esercitata dalla disputa commerciale sino-statunitense. L’Arabia Saudita è il principale esportatore di petrolio al mondo ed è stato l’ultima risorsa per decenni nei casi di necessità.

Intorno alle 10,40, i futures sul Brent scambiano in ribasso di 31 centesimi, pari allo 0,45%, a 68,71 dollari al barile. Il greggio Usa cede 75 centesimi, o l’1,19%, a 62,15 dollari al barile. Nelle prime battute, entrambi i benchmark del greggio hanno perso circa il 2%.

Ieri i prezzi sono aumentati di quasi il 20% negli scambi intraday in risposta agli attacchi, la più grande impennata degli ultimi 30 anni, prima di archiviare la seduta in rialzo di quasi il 15%, ai massimi di quattro mesi.

Il ministro dell’energia saudita, il principe Abdulaziz bin Salman, terrà una conferenza stampa alle 20,00 ora locale (19,00 ora italiana). Il produttore nazionale Saudi Aramco non ha indicato una tempistica specifica per la ripresa della produzione a piena potenza.

“Non è una gran cosa da dire, ma se una cosa simile doveva accadere, almeno è successa in un momento in cui c’è un surplus di greggio e la produzione americana sta crescendo a un ritmo molto rapido”, ha affermato Tony Nunan, oil risk manager a Tokyo per Mitsubishi Corp.

Si prevede che la produzione di petrolio degli Stati Uniti da sette importanti formazioni di scisto aumenterà di 74.000 barili al giorno a ottobre, raggiungendo un massimo record di 8,843 milioni, secondo quanto riferito dall’Eia nel suo rapporto mensile sulla produttività dei pozzi.

Tuttavia, un indicatore della volatilità del mercato petrolifero è salito ieri al massimo da dicembre e l’attività degli scambi ha mostrato che gli investitori prevedono un aumento dei prezzi nei prossimi mesi.

Il Giappone ha reso noto che prenderà in considerazione un ricorso coordinato delle riserve di petrolio, se necessario.

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha detto ieri che sembra che l’Iran sia il fautore degli attacchi di droni, ma ha sottolineato che non vuole andare in guerra. Teheran ha respinto le accuse.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below