August 10, 2018 / 7:33 AM / a year ago

UniCredit perde fino a 4%, lira turca a minimi su dollaro

** UniCredit molto debole in apertura con un calo fino a 4% circa rispetto all’indice delle blue chip che perde 1,25% e quello delle banche europee in calo di 1,31%.

La sede di Unicredit a Milano. Foto del 10 marzo 2016. REUTERS/Stefano Rellandini

** Alle 10,30 UniCredit perde 3,24% a 13,99 euro.

** Oggi la lira turca ha toccato un nuovo minimo contro il dollaro.

** Il Financial Times scrive che la Bce è preoccupata per l’esposizione di alcune grandi banche della zona euro - in primo luogo BBVA, Unicredit e BNP Paribas - verso la Turchia, alla luce del crollo della lira turca, anche se non vede la situazione ancora come critica.

** In Turchia UniCredit è presente con Yapi Kredi, controllata all’82% da una joint venture paritetica tra la banca italiana e il gruppo Koc.

** Yapi è consolidata a patrimonio netto e il contributo a conto economico è meno del 2% dei ricavi del gruppo, hanno detto il 7 agosto i vertici di UniCredit presentando i conti del trimestre. Sul CET1 la volatilità della lira turca è limitata a 2 pb ogni 10% di deprezzamento della valuta.

** Il contributo di Yapi è salito nel trimestre del 28% annuo a cambi costanti, percentuale che scende a -3,4% se si tiene conto della svalutazione della lira turca.

** Yapi Credi è una banca molto buona e l’investimento in Turchia è di lungo termine, aveva aggiunto il Ceo Jean Pierre Mustier.

** No comment da Bce, UniCredit rimanda alle dichiarazioni dei vertici del 7 agosto.

** In uno studio uscito il 7 agosto, Goldman stima che ogni 10% di svalutazione della lira turca impatti sul capitale delle banche in media per 50 pb. Goldman calcola che la svalutazione del 12% della valuta turca da fine giugno abbia lasciato Yapi Kredi con il più debole livello di capitale fra le banche turche, cancellando i restanti benefici del recente aumento di capitale (a 8,45 miliardi di lire turche da 4,35 miliardi).

** Secondo Credit Suisse, Yapi è a libro a 2,5 miliardi di euro e l’attuale capitalizzazione è 1,5 miliardi. Yapi, aggiunge lo studio, resta un fattore di rischio visto il largo ammontare di debito denominato in dollari delle società turche.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below