August 8, 2018 / 1:44 PM / 3 months ago

Mps, Tria conferma che il Tesoro uscirà come previsto da impegni con Ue

ROMA (Reuters) - Banca Mps, oggi controllata dal Tesoro con quasi il 70%, tornerà sul mercato al termine della ristrutturazione prevista con il piano concordato con la Commissione europea e che ha permesso la ricapitalizzazione temporanea dell’azionista pubblico.

Il logo di Monte dei paschi di Siena. REUTERS/Alessandro Bianchi/Files

Il ministro dell’Economia Giovanni Tria toglie dal tavolo ogni ipotesi, caldeggiata in campagna elettorale soprattutto dalla Lega, di nazionalizzare definitivamente il Monte.

“Il ritorno al mercato è un obiettivo concordato con la Commissione europea e non è in discussione”, dice il ministro rispondendo alla domanda del Sole 24 Ore se è confermata la strategia di un ritorno al mercato entro il 2021, data indicativa di completamento della ristutturazione.

Il titolo ha aperto poco variato e alle 12,30 quota 2,4290 euro in rialzo dello 0,37%. Il Tesoro ha pagato i titoli 6,49 euro.

Il Tesoro ha potuto aiutare il Monte con una ricapitalizzazione precauzionale da 5,4 miliardi di euro che presuppone il risanamento della banca e la successiva cessione del controllo pubblico.

Il contratto per il governo del cambiamento, definito da M5s e Lega, prevede che lo Stato, in quanto azionista di controllo, ridefinisca la missione della banca senese e propone di estendere il diritto al risarcimento anche ai piccoli azionisti delle banche messe in risoluzione.

Questo significa, aveva detto a metà maggio l’economista della Lega Claudio Borghi, candidato a Siena e oggi presidente della Commissione bilancio della Camera, che il Mef oggi azionista al 68% resti nel capitale, che il piano di chiusura delle filiali venga interrotto e che la guida operativa della banca venga molto probabilmente cambiata.

Oggi Borghi, contattato da Reuters, ha ribadito che lo Stato dovrebbe rimanere un azionista della banca senese. “Cosa fare con Monte Paschi è stipulato nel contratto di governo,” ha detto.

Tria non ha voluto commentare nell’intervista di oggi “questioni che riguardano società quotate, perché non è corretto per un esponente di governo”.

La Commissione Europea, in occasione della pubblicazione del contratto di governo in cui si parlava anche di Mps, aveva ricordato di monitorare l’andamento dei piani di ristrutturazione che usufruiscono di aiuti di Stato e che “è responsabilità Stati membri corrispondere agli impegni presi”.

(Stefano Bernabei)

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below