July 11, 2018 / 11:32 AM / 4 months ago

Greggio in calo di oltre 2 dollari dopo minacce dazi Trump, riapertura porti Libia

LONDRA (Reuters) - Il greggio è in calo di quasi 2 dollari al barile dopo che il presidente Usa Donald Trump ha minacciato nuovi dazi contro la Cina e la Libia ha annunciato la riapertura di terminal chiave per l’esportazione del petrolio.

Lo spettro di nuovi dazi su altri 200 miliardi di beni cinesi ha spinto le commodity in ribasso, mentre le tensioni tra le più grosse economie al mondo si intensificano.

Intorno alle 13 italiane, il contratto sul Brent per consegna settembre perde circa 1,7 dollari, circa il 2%, a 77,25 dollari. La scadenza agosto del greggio leggero Usa Wti perde 44 cent a quota 73,67.

I prezzi stanno scendendo aiutati anche dal fatto che la National Oil Corp (Noc) di Tripoli ha tolto lo stato di force majeure su quattro porti libici, dicendo che la produzione e l’esportazione dai terminal “torneranno a livelli normali nelle prossime ore”.

Oggi intanto si attendono i dati sulle scorte Usa diffusi dall’Eia. Gli analisti convergono su un calo di 4,5 milioni di barili.

Secondo i dati diffusi ieri dall’American Petroleum Institute, le scorte sono scese la settimana scorsa di 6,8 milioni.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below