July 10, 2018 / 8:03 AM / 2 months ago

Borsa Milano positiva, bene Ferragamo e auto, Tim pesante, banche giù

MILANO (Reuters) - Piazza Affari archivia poco sopra la parità una seduta altalenante, che conferma, in sostanza, il clima di incertezza che avvolge i mercati da tempo.

La sede della Borsa di Milano. REUTERS/Paolo Bona

A pesare sulla fiducia degli investitori, dicono trader e analisti, è soprattutto la guerra dei dazi scatenata dagli Usa.

In chiusura, l’indice FTSE MIb ha guadagnato lo 0,11% e l’AllShare lo 0,08%, mentre il MidCap ha perso un frazionale 0,08% e lo Star lo 0,01%. Volumi per un controvalore di circa 2 miliardi.

Il benchmark europeo FTSEurofirst è salito dello 0,44%.

FERRAGAMO al galoppo (+3,02%), spinta, oltre che da un rimbalzo fisiologico, da uno studio di Jefferies che ha migliorato il giudizio sul titolo a hold da sell.

Tonici i titoli legati all’energia, sulla scia del rialzo dei prezzi del greggio. SAIPEM +1,37%, ENI +1,31% e TENARIS +0,46%.

Automotive vivace, a fronte di uno stoxx europeo di settore positivo, ma senza euforia (+0,54%). FIAT CHRYSLER sostenuta (+0,63%) da Ubs, che ha promosso il titolo a buy da neutral e ha alzato il prezzo obiettivo a 23 da 20,5 euro. Meglio CNH INDUSTRIAL (+2,33%), BREMBO (+2,66%) e FERRARI (+1,82%).

Debole TELECOM ITALIA (-2,48%), zavorrata da uno studio di Ubs, che ha rivisto il giudizio sul titolo a sell da neutral e il target price a 0,59 da 0,83 euro.

RECORDATI continua a macinare rialzi (+2,48%, a 31 euro) e a veleggiare ben sopra il prezzo che pagherà Cvc per acquisire la quota di Fimei (28 euro) e a cui sarà lanciata la successiva opa.

Il settore bancario ha fatto peggio del resto d’Europa, registrando il movimento dello spread dopo che il ministro per gli affari europei, Paolo Savona, ha annunciato un incontro con il presidente della Bce, Mario Draghi.

Il paniere italiano ha ceduto l’1,47%, mentre in Europa il comparto è arretrato dello 0,56%. Male BPER BANCA (-1,94%), UNICREDIT (-1,61%), INTESA SANPAOLO (-1,6%), UBI BANCA (-1,47%), MEDIOBANCA (-1,35%) e BANCO BPM (-0,83%).

Tra le banche a minore capitalizzazione, CARIGE invariata: il cda sta esaminando la richiesta dell’azionista Raffaele Mincione, che ha chiesto la convocazione di un’assemblea a settembre per revocare il consiglio e nominarne uno nuovo.

Rialzano la testa alcuni tra i titoli che hanno maggiormente sofferto di recente, ovvero PRYSMIAN (+2,21%) e FINCANTIERI (+7,34%).

In volo NETWEEK (+26,15%) dopo aver annunciato la conclusione della procedura di concordato preventivo.

FNM galvanizzata (+11,48%) dalla prospettiva di una separazione della gestione del servizio ferroviario in Lombardia.

Altra giornata euforica per la JUVENTUS (+5,77%): a mercati in chiusura, il Real Madrid ha ufficializzato la cessione di Cristiano Ronaldo ai bianconeri.

In scia la LAZIO: +5,55%.

MONDO TV saluta con un deciso rialzo (+7,77%) la rinuncia a un parco divertimenti in Cina.

Su Aim in volo WM CAPITAL (+12,93%), nel giorno in cui ha annunciato il via alla commercializzazione del box della salute.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below